PGT inclusivo della città

Proposte condivise per un PGT inclusivo della città

La città nuova o è inclusiva o non è; la città ideale deve essere a misura dei più fragili”. Sono le due direttrici sulle quali si muovono le proposte di integrazione al PGT che le segreteria dei sindacati Pensionati di CGIL CSIL UIL e del Comitato per l’abolizione delle barriere architettoniche che oggi, in conferenza stampa, hanno presentato la griglia di idee sottoposte alla Giunta di Bergamo.

La costituzione chiede che siano rimossi gli ostacoli per la piena realizzazione della persona – ha detto in apertura Filippo Pizzolato, docente di diritto. Invece, sostengono i promotori dell’iniziativa – il tema della accessibilità, al territorio, ai servizi e agli strumenti a disposizione dei cittadini, è stato dimenticato nella presentazione delle linee guida offerte dalla Giunta”.

 “Quella delle osservazioni al Piano di Governo del Territorio ha precisato Aldo Guarnone, che per FNP, SPI e UILP ha condotto la conferenzaci ha fornito un’ulteriore occasione di confronto con l’amministrazione per creare la visione di una città accogliente e coesa, in linea con gli obiettivi che ci siamo posti con il progetto “Città a misura d’anziano”, in fase di elaborazione da due anni, nel quale la sfera della domiciliarità assume straordinaria importanza. Perciò, nelle nostra proposte trovano spazio infrastrutture e collegamenti per il trasporto pubblico; opzioni abitative per invecchiare sul posto e per le giovani coppie; la riqualificazione del patrimonio e degli immobili dismessi; opportunità per continuare a lavorare, a studiare e a svolgere attività ricreative a tutte le età”.

Le persone fragili rappresentano una fetta sempre più grande della popolazione urbana ha detto Annalisa Colombo, a nome del Comitato Provinciale -. Per tutte queste persone è molto importante che la città sia accessibile, fruibile e accogliente in tutti i suoi spazi. E proprio al fine di creare una vera e propria cultura dell’accessibilità, abbiamo chiesto alla giunta l’istituzione della figura dell’Accessibility manager, cioè un professionista in gradi di identificare e risolvere i fattori che impediscono la relazione completa con il territorio a chi abbia qualsiasi tipo di fragilità, che interagisca con i tecnici incaricati dello studio del nuovo PGT per accompagnarne l’elaborazione e la effettiva progettazione di città inclusiva”.

I documenti presentati in conferenza stampa:
1) Piano di Governo del Territorio
2) Lettera al sindaco Giorgio Gori
3) La griglia delle proposte Fnp Cisl Bergamo
4) Proposte per il nuovo PGT

5) La figura dell’Accessibility Manager

,
Menu