PROGETTO BEATRICE: ” IL WELFARE SI FA SUL SERIO “

Acerbis Italia Spa, Rsu, Femca Cisl e Filctem Cgil hanno firmato l’accordo per il Welfare aziendale territoriale. Così, ACERBIS, azienda di Albino produttrice di materiali plastici, oltre che di abbigliamento sportivo e accessori, concretizza il progetto Beatrice “il Welfare sul Serio”, che vede il coinvolgimento di 42 comuni della Valle Seriana e Val di Scalve, destinato alle aziende del territorio e strutturato su servizi alla persona del territorio.

SOSTEGNO AI LAVORATORI

All’interno del comparto Gomma Plastica, ACERBIS è la prima azienda Bergamasca a realizzare il progetto Beatrice volto ad incrementare la soddisfazione del lavoratore e della sua famiglia. “Sono molto soddisfatto di aver sottoscritto questo accordo di Welfare – ha commentato Franco Acerbis – che sostiene i nostri lavoratori, il territorio e gli attori sociali che lo animano. La semplicità di utilizzo e la prossimità nell’accesso ai servizi rendono il progetto Beatrice adatto alle nostre esigenze. Beatrice è uno sguardo al futuro, con la consapevolezza di migliorare il presente“.

NON SOLO PER I CONTRATTI INDETERMINATI

Siamo assolutamente convinti della bontà di questo accordo, condiviso in assemblea con i lavoratori che hanno risposto positivamente – è invece il commento di Max Torri, operatore Femca Cisl, che insieme a Filctem Cgil ha siglato l‘accordo. – E’ il proseguo di un progetto aziendale iniziato con la stesura di un codice etico che sempre più porta a valorizzare i lavoratori come persone , mantenendo anche valori come la famiglia. Nota non di poco conto, l’accordo è esteso anche ai lavoratori a tempo determinato e ai lavoratori in somministrazione di manodopera che spesso non vengono considerati in tali accordi. Sul tavolo dei lavori ci sono ancora temi in discussione sempre riguardanti l’essere persona e non solo lavoratore con uno sguardo al sociale e alla solidarietà”.

,
Menu