Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Sabato, 06 Febbraio 2016 00:00

Nuovo CCNL Alimentare per 6000 bergamaschi

“La chiusura positiva del rinnovo del Contratto nazionale dell’industria alimentare riafferma ancora una volta quanto sia importante l’azione sindacale unitaria per ottenere buoni risultati. Un segnale importante, questo rinnovo per la nostra provincia, dove sono presenti aziende multinazionali importanti, che hanno partecipato al tavolo di trattativa a Roma”.

Così Gigi Bramaschi, segretario generale del sindacato FAI CISL Bergamo saluta la firma definitiva sul CCNL dell’industria alimentare, firmato a Roma da FAI CISL, FLAI CGIL, UILA UIL e Federalimentare. Il Contratto interessa 6000 persone nella nostra provincia, che lavorano in aziende come Sanpellegrino, Wuber, Parmalat e Heineken.

I punti qualificanti dell’accordo danno corpo ai progetti sindacali nella partecipazione dei lavoratori alle dinamiche d’impresa; negli assetti contrattuali, “ora coerenti con la proposta unitaria di un nuovo sistema di relazioni industriali”; nella bilateralità; nella formazione congiunta, nelle nuove modalità su telelavoro e lavoro agile. Il contratto, quadriennale, integra linee guida che rafforzano ed estendono significativamente il secondo livello, rilanciando innovazione, produttività, competitività e condizioni di lavoro dei dipendenti.

Viene potenziata ed estesa la bilateralità di settore, che per la prima volta viene definita dal Ccnl. Si dà vita ad un fondo specifico che interviene a sostegno dei lavoratori che perdono occupazione a due anni dalla pensione. Tale fondo interverrà anche per lavoratori che volontariamente vogliono trasformare il contratto da full a part-time e promuoverà il turnover: un vero ’ponte generazionale’.

Quanto agli aspetti salariali, non ci si limita ad un’ottica difensiva, ma viene incrementato il potere d’acquisto dei lavoratori attraverso aumenti salariali pari a 105 euro, condizione necessaria per sostenere il reddito delle persone, rilanciare i consumi e contribuire alla ripresa della domanda aggregata. “Le parti sociali attraverso la libera contrattazione e negoziazione diventano oggi più di ieri vera autorità salariale, protagonisti di una ripresa che coinvolge tutti: lavoratori, imprese e l’intero sistema paese”.

Pubblicato in Comunicati
Giovedì, 04 Febbraio 2016 08:53

Rinnovi contrattuali. Filca, lavori in corso

È fitto ed intenso il calendario degli incontri di Filca, Feneal e Fillea con le controparti, utili a rinnovare i contratti nei settori di competenza (edilizia, cemento, legno, laterizi e lapidei). Archiviata la pratica cemento, con il contratto del'lindustria chiuso a sorpresa nel novembre scorso,ora è la volta degli altri settori, i cui contratti sono appena scaduti o in scadenza nei prossimi mesi. 

Edilizia
La Filca, insieme a Feneal e Fillea, ha inviato nei mesi scorsi a tutte le controparti (le parti datoriali di industria e cooperazione, piccole e medie imprese, artigianato) la formale richiesta di apertura delle trattative, per fermare la decorrenza dei termini. Oggi si terrà l'Esecutivo della Filca (che nella partita del rinnovo del contratto costituisce la delegazione trattante) per fare il punto della situazione sullo stato di salute del settore edile. Il contratto dell'Edilizia Industria scadrà il prossimo 30 giugno; si tratta di un rinnovo molto atteso, dal momento che il settore sembra finalmente avere arrestato la caduta che durava ininterrottamente da quasi 8 anni.

Cemento
Il 24 novembre scorso, con oltre un mese di anticipo sulla scadenza contrattuale del 31 dicembre, è stato rinnovato il Contratto nazionale Cemento Calce e Gesso, che interessa 10mila lavoratori. Il testo è un buon risultato: rafforza il sistema dei diritti d'informazione, la gestione degli appalti, il demansionamento e il welfare integrativo, ed interviene sul potere di acquisto dei lavoratori con un aumento salariale pari a 90 euro al livello medio

Legno
Nel corso del primo incontro con Federlegno (13 gennaio) i sindacati hanno chiesto un aumento medio a regime di 115 euro. Le imprese, dal canto loro,hanno chiesto del tempo per fissare un nuovo incontro e rispondere sui singoli punti della piattaforma. Il contratto collettivo nazionale del settore, che scadrà il 31 marzo prossimo, interessa 230mila addetti (l'intera filiera occupa 360mila persone).Tra i temi affrontati dai sindacati nella piattaforma ci sono la formazione professionale, l'innovazione di processo e di prodotto, la responsabilità sociale d'impresa. Gli indicatori economici sono positivi, nonostante la domanda interna fatichi a riprendersi. Le condizioni in cui viene rinnovato questo contratto sono buone,soprattutto se si considera che negli ultimi 5 anni sono stati rinnovati due contratti nonostante la pesante crisi in atto.

Lapidei
La trattativa con Marmomacchine e Anepla per rinnovare il contratto collettivo nazionale Industria Lapidei, escavazione, sabbia e ghiaia è partita lo scorso 16 dicembre, con la presentazione della piattaforma da parte dei sindacati. Il prossimo incontro è in calendario martedì 23 febbraio a Milano.

Laterizi
l sindacati e Andil e Assobeton si sono già incontrati in tre occasioni, nel corso delle quali la controparte ha dichiarato eccessive le richieste economiche, pur riconfermando l'intenzione di rinnovare il contratto nazionale nei tempi previsti (scade il 31 marzo prossimo). Il confronto è già stato avviato sui seguenti punti: ricorso al part time reversibile per i lavoratori che hanno diritto ai congedi; ampliamento nell'utilizzo dell'aspettativa non retribuita ai casi di alcoolismo, ludopatia, anoressia, bulimia; trattamento in caso di malattia e infortunio non sul lavoro;formazione professionale; rappresentanze sindacali; azioni positive (codice di condotta per i casi di mobbing e/o molestie). Un accordo è già stato raggiunto per dare il via all'Osservatorio del settore dei Laterizi e Manufatti. l prossimi incontri sono in programma il 17 febbraio e il 1° marzo. (Vanni Petrelli - Conquiste del Lavoro)


Scarica il pdf

 

Pubblicato in Comunicati
Venerdì, 18 Dicembre 2015 08:24

Ipotesi di accordo per CCNL autoferrotranvieri

Da sette anni gli autoferrotranvieri aspettano un rinnovo contrattuale che, ora, finalmente sembra essere a un passo dall’approvazione definitiva: da martedì ad oggi a Bergamo, come in tutto il resto d’Italia, è stata sottoposta al voto dei lavoratori l'ipotesi di accordo per il rinnovo del Contratto nazionale degli Autoferrotranvieri Internavigatori (Mobilità – TPL) raggiunto dalle controparti a fine novembre.

Interessati dal rinnovo a Bergamo sono i dipendenti di aziende come ATB, SAB, Locatelli, SAI, TBSO, Aschedamini, Visinoni. Nel territorio orobico hanno preso parte alla consultazione 730 lavoratori sugli oltre mille del settore: il 78% circa ha approvato il testo. La campagna referendaria aveva visto impegnate le organizzazioni sindacali in oltre 20 assemblee~ in tutte le principali aziende del territorio dal 3 fino al 16 dicembre.

“È un risultato significativo, dal voto emerge un complessivo apprezzamento dell'ipotesi di Contratto nazionale sul nostro territorio - ha commentato Renato Lorenzi del sindacato FIT CISL Bergamo - Rimaniamo in attesa del risultato nazionale nella speranza che possa chiudersi positivamente una lunga stagione di vacanza contrattuale. L’intesa prevede che il Contratto a tutele crescenti e i contenuti del Jobs Act in materia di licenziamento illegittimo non vengano applicati ai lavoratori interessati dai cambi di appalto delle aziende.

Dal punto di vista degli aumenti, abbiamo ottenuto l’incremento di 100 euro medi mensili, suddivisi in tre tranche. Al personale in forza alla data di sottoscrizione dell'ipotesi di accordo sarà erogata anche un’Una tantum media di 600 euro, di cui 400 euro a gennaio 2016 e 200 euro ad aprile 2016
”.

L'accordo definisce anche interventi di welfare contrattuale con decorrenza dal 1° luglio 2017, per un costo complessivo lordo di 100 euro all’anno per ogni lavoratore.

Pubblicato in Comunicati

I lavoratori del settore chimico della provincia di Bergamo (circa 5000 persone distribuite su oltre 40 aziende) hanno approvato l’intesa tra sindacati, Federchimica e Farmidustria per il rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro, siglato lo scorso 15 ottobre. Quasi il 90 per cento degli addetti in provincia, infatti, ha dato parere positivo alla firma.

Una posizione che premia gli sforzi fatti al tavolo della trattativa – dice Luciano Carminati, segretario della FEMCA CISL Bergamo, che a quel tavolo sedeva -. Una trattativa che ha dato risultati nel complesso positivi. Il nuovo CCNL riconferma il valore dei contratti precedenti, e rilancia anche il secondo livello, affidandole la soluzione di tematiche assolutamente importanti. Rafforza l’elemento dell’informazione tra le parti negli enti bilaterali, della formazione e della sicurezza. In questo nuovo CCNL, infine, abbiamo fatto prevalere la forza dei regolamenti contrattuali nei confronti della nuova legge sul lavoro, soprattutto per quanto riguarda gli argomenti di maggiore tensione tra le parti, come i licenziamenti e le sanzioni”.

Il risultato delle consultazioni che si sono tenute in tutta Italia consentirà ai sindacati di firmare definitivamente l'accordo di rinnovo che varrà fino al 2018. Da un punto di vista economico, il nuovo CCNL prevede un aumento medio di 90 euro a regime dal 1 dicembre 2018.

Questo rinnovo, secondo le segreterie nazionale dei sindacato FEMCA, FILCTEM e UILTEC, “conferisce un contributo significativo alla ripresa di un tavolo unitario tra le Confederazioni e anche agli altri tavoli di categoria, oltre a quelli già aperti nei nostri settori (lavanderie industriali, gomma-plastica) o in itinere (elettrici, energia e petrolio)”.

 

Pubblicato in Comunicati

E' stato rinnovato il Contratto Nazionale Cemento Calce e Gesso: 10mila le lavoratrici e i lavoratori interessati. Primo contratto nel settore delle costruzioni, l’accordo è stato raggiunto a Roma il 24 novembre 2015, in tarda serata, tra i sindacati FenealUil Filca Cisl, Fillea Cgil e Federmaco, con un mese di anticipo sulla scadenza contrattuale del 31 dicembre 2015.

La Delegazione trattante e i Segretari Nazionali di FENEALUIL FILCA CISL FILLEA CGIL, Fabrizio Pascucci, Riccardo Gentile e Marinella Meschieri, si dicono soddisfatti per essere riusciti a portare a casa “un buon risultato che rafforza il sistema dei diritti d’informazione, la gestione degli appalti, il demansionamento e il welfare integrativo, nonché il potere di acquisto dei lavoratori con un aumento salariale pari  a 90 euro al livello medio”.


Queste le decorrenze degli incrementi:

01.12.2016      40,00€
01.12.2017      30,00€
01.10.2018      20,00€


Sono stati adeguati gli istituti della sanità integrativa, che sarà estesa a tutti i lavoratori (13 € mensili a totale carico delle aziende), della previdenza complementare (la parte a carico del datore di lavoro aumenta dello 0,20%), oltre all’incremento dell’indennità per lavoro notturno (+2%).

“Attenzione particolare – aggiungono – è stata data ai temi della legalità, alla sicurezza e alla formazione per i RLSSA, al diritto allo studio anche per partecipazione a corsi universitari, ai congedi non retribuiti per i casi di disturbi comportamentali patologici”.

Saranno introdotte nuove norme con la definizione di un codice di condotta in caso di molestie e/o mobbing. Sono stati sottoscritti avvisi comuni sui temi delle cave e dei combustibili alternativi.

Il nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro avrà vigenza dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2018. 


Oltre alla tempistica del rinnovodice Danilo Mazzola, segretario generale FILCA CISL Bergamoavvenuta con un mese di anticipo sulla scadenza del contratto precedente, questo CCNL assume importanza per la qualità degli aumenti, in linea con l’attuale situazione economica e produttiva del settore. Importante, poi, anche il riconoscimento dall’inizio del prossimo anno, del Fondo Sanitario Altea, con costo completamente a carico delle imprese e l’iscrizione di tutti i lavoratori, in modo obbligatorio”. 


 Scarica il verbale dell'accordo di rinnovo

 

Pubblicato in Comunicati

È stato firmato venerdì 20 novembre, nella sala consiliare della Provincia di Bergamo l’accordo territoriale per il lavoro nell’ambito Alto Sebino, “strumento da tempo richiesto e “promosso” dal sindacato Cisl Bergamo, che lo ha fortemente voluto”, dice Giacomo Meloni, della segreteria provinciale del sindacato di via Carnovali.

L’accordo coinvolge i comuni di Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina e Sovere, con l’obiettivo di costruire percorsi di sviluppo dell’occupazione. Si tratta del primo atto concreto relativo alle aree omogenee previste dal nuovo Statuto della Provincia di Bergamo. 

La firma è indubbiamente un fatto positivo per il coinvolgimento di tutte le forze sociali, istituzionali e amministrative, per la creazione del tavolo territoriale e la cabina di regia, valorizzando il modello partecipativo e non l'autoreferenzialità. Importante che tutte le realtà che vi aderiscono mettano al centro il lavoro come la priorità del territorio, che registra una disoccupazione vicina al 10%, e la chiusura di numerose attività artigianali e dell'edilizia. Poi, la scelta di individuare il settore dell'agricoltura quale ulteriore settore di sviluppo del territorio, oltre la vocazione industriale e turistica che vanno fortemente salvaguardati.

Alla firma erano presenti il presidente della Provincia Matteo Rossi, quello della Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi Alessandro Bigoni, il presidente dell’Assemblea dei sindaci dell’Alto Sebino (nonché sindaco di Lovere) Giovanni Guizzetti e alcuni sindaci del territorio, che hanno condiviso il tavolo con CGIL CSIL UIL, ENAIP, Patronato San Vincenzo, Confindustria e Imprese & Territorio.

L'accordo – prosegue Meloni - è per la CISL di Bergamo la conclusione positiva della prima tappa di un percorso che necessariamente deve proseguire e dare risultati concreti sull'occupazione. Per questo è doveroso definire ulteriori interventi che vanno da un adeguato investimento per migliorare l'attrattività del territorio, alla dotazione di adeguate risorse economiche tramite un apposito fondo territoriale  per finanziare le iniziative che di volta in volta possono essere messe in campo, quali la formazione, l'intreccio domanda e offerta di lavoro, l'avvio di nuove attività, l'attrattività del territorio che, nel terzo trimestre dell'anno in corso purtroppo è quello che fa registrare il dato peggiore di tutta la provincia di Bergamo con un tasso di crescita di – 1,5 %”. 


Scarica l'accordo di rete

Pubblicato in Comunicati Stampa

Aumentano i contratti aziendali in Lombardia, e aumentano, pur se in misura ridotta, anche in provincia di Bergamo. Nel 2014, secondo i dati dell’osservatorio CISL regionale coordinato da Giorgio Caprioli, ne sono stati firmati 508, 194 in più rispetto all’anno precedente. A Bergamo gli “aziendali” sono stati 68, 6 in più rispetto al 2013, segno evidente, sottolinea Caprioli che “la contrattazione è in ripresa quantitativa, seppur lenta, e in trasformazione qualitativa”.

Dallo studio dell’Osservatorio CISL “appare chiaro che continua la tendenza a contrattare maggiormente gli effetti della crisi e che si restringono gli spazi di contrattazione “tradizionale” a vantaggio di quella difensiva e di scambio”. Infatti,  colpisce l'aumento molto forte (+131,9%) della contrattazione di ristrutturazioni. Seguono le prerogative sindacali (+115,9%), che stanno ad indicare “un aumento di attenzione e di controllo dei sindacati e delle RSU alle politiche aziendali”. Poi, la formazione professionale e il mercato del lavoro, a testimonianza di “una crescente attenzione ai temi delle politiche attive del lavoro”.

Solo all'8° e 9° posto abbiamo i più tradizionali argomenti della contrattazione: retribuzioni e orario. Stessa cosa si può dire, anche se in termini più ridotti, per l'orario (24,1%), che perde anch'esso più di 6 punti percentuali di peso specifico. Discorso a parte merita il welfare, che si piazza al 10° posto (18,6%). La crisi si fa sentire anche su questo tema, che però in questi anni è molto cresciuto.

Il contributo delle categorie CISL nella stipula di questi contratti, vede primeggiare, come da tradizione, la FIM (metalmeccanici), con 245 accordi, seguita da FEMCA (tessili e chimici) con 107 e, a grande istanza la FIT (trasporti) che ha messo la propria firma su 31 contratti aziendali.

I dati a consuntivo del 2014 sulla contrattazione aziendale confermano tutte le difficoltà derivanti anche da un anno che è stato particolarmente difficile sul versante della recessione economica – dice Giacomo Meloni, segretario provinciale CISL. Le prime stime sulla contrattazione aziendale  per l'anno in corso pare confermino una tendenza al miglioramento. Dei contenuti della contrattazione un’ attenzione particolare va posta al tema welfare aziendale, dove a fianco di imprese lungimiranti e accordi innovativi, troviamo molti ritardi nel cogliere l'opportunità di accordi volti a diffondere i contenuti del welfare, quali contributi aziendali per i fondi di previdenza integrativa o sanitaria, diritto allo studio per i figli, permessi per la cura dei famigliari, asili nido, smart working, permessi per la cura dei famigliari e per i neo padri”.

L'auspicio è che un impulso positivo alla contrattazione aziendale e allo sviluppo del welfare lo possano dare i provvedimenti previsti nella legge di stabilità 2016, che prevede la reintroduzione, come da tempo chiede la CISL, della detassazione al 10% dei premi di produttività fino a 2000 euro, tetto che andrebbe alzato almeno ai 3000 euro, oltre che voucher totalmente detassati per il welfare aziendale. Sono buone opportunità da cogliere per rilanciare e sviluppare la contrattazione di secondo livello dopo stagioni di estrema difficoltà sia sul versante lavoro e occupazione come pure per la contrattazione”. 



Pubblicato in Comunicati Stampa

“È stato un mese di lavoro intenso, che ha coinvolto circa 300 aziende e quasi undicimila persone, un numero importante di lavoratori”. Luca Nieri, segretario generale del sindacato FIM CISL Bergamo sintetizza così il risultato del referendum sulla piattaforma di FIM e UILM per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici, presentato in una conferenza stampa unitaria insieme al collega Angelo Nozza.

Alla consultazione hanno partecipato 10297 iscritti alle due federazioni sindacali: tra questi più del 95% ha espresso il proprio gradimento alla piattaforma da presentare al confronto con Federmeccanica, che partirà nei prossimi giorni. “È stata una importante soddisfazione, anche perché il voto è arrivato anche da molti non iscritti – dice Nozza -, e in alcune aziende abbiamo avuto anche il 100% di votanti, segna tangibile che la nostra contrattazione è apprezzata dai lavoratori”.

“Abbiamo ottenuto un grande riconoscimento del lavoro e delle idee inserite nella nostra ipotesi – continua Nieri -, ma soprattutto abbiamo avuto la consapevolezza che fra la gente è invalsa l’idea che siamo un sindacato serio che rinnova i contratti, un contratto, questo, che potrebbe anche guidare il settore verso l’uscita dalla crisi”.

“Tanti contenuti innovativi per tante situazioni nuove – continua Nozza -, per le quali si sono cercate risposte e tutele per i lavoratori”. Tra le pieghe della piattaforma, per Nieri, “ci sono soluzioni e ricerche di relazioni moderne e responsabili, che cercano di colmare il gap competitivo che molte aziende, anche nel nostro territorio pagano per i mancati investimenti attuati in questo periodo”.

 

Pubblicato in Comunicati

L'indagine ISTAT pubblicata il 25 Settembre in merito all'andamento delle retribuzioni nel mese di agosto dove l'indice delle retribuzioni contrattuali orario rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 1,25 nei confronti di agosto 2014. Complessivamente, nei primi otto mesi dell'anno in corso la retribuzione oraria media è aumentata dell'1,1% rispetto allo stesso periodo del 2014. Alla fine di agosto la quota di lavoratori dipendenti in attesa di rinnovo è del 38%. 


Scarica il documento.

Pubblicato in Lavoro
Lunedì, 28 Settembre 2015 08:51

Rinnovi CCNL a Bergamo: la carica dei 100.000

Ben più di 100 mila lavoratori attendono a Bergamo il rinnovo dei loro contratti nazionali. La partita più grossa, almeno dal punto di vista politico, è sicuramente quella dei metalmeccanici, con le sigle che si presenteranno divise come accade ormai da qualche anno, nella discussione del rinnovo del CCNL per circa 35.000 lavoratori. Per il resto, 20.000 nel terziario, 17.000 nel pubblico impiego, 12.000 nella scuola, 10.000 tra chimici e gomma-plastica, 8000 bancari, 2000 tessili…Poi ci sono i dipendenti della Sanità privata, quelli dei consorzi di bonifica, delle telecomunicazioni, gli allevatori, i forestali, quelli delle farmacia… insomma, un vero e proprio esercito di lavoratori che aspetta il rinnovo del proprio CCNL sia per accrescere tutele dal punto di vista normativo, che, possibilmente, ampliare la propria capacità di spesa, con gli aumenti contrattuali.

L’Istat, con una nota di oggi (scarica il testo integrale), avvisa che alla fine di agosto 2015 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 62,0% degli occupati dipendenti e corrispondono al 59,0% del monte retributivo osservato.  Nello stesso mese, l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dell'1,2% nei confronti di agosto 2014. Complessivamente, nei primi otto mesi del 2015 la retribuzione oraria media è cresciuta dell’1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2014.

Alla fine di agosto la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 38,0% nel totale dell’economia e del 19,9% nel settore privato. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 56,3 mesi per l’insieme dei settori e di 39,0 mesi per quelli del settore privato. Con la fine dell’estate, arriva la ripresa della stagione dei rinnovi contrattuali, in un momento economico che comincia a registrare i primi segnali di ripresa, ma in una condizione politica di grande incertezza.  Allora, come se non bastassero le crisi aziendali, a “riscaldare” le temperature dell'autunno 2015 contribuirà il rinnovo di ben 23 contratti nazionali di categoria.

La contrattazione – dice Giacomo Meloni, della segreteria del sindacato Cisl Bergamo - avrà un ruolo fondamentale: a essa sarà affidato il compito di recepire l'evoluzione normativa sulla riforma del lavoro giunta a completamento proprio in questi giorni”. “Riteniamo – continua i l segretario CISL di Bergamo - opportuno sia procedere al rinnovo dei contratti nazionali già scaduti, senza alcuna moratoria, come già dichiarato da Confindustria,  che avviare la trattativa  per la riforma del modello contrattuale scaduto nel 2014. È un errore che le altre sigle sindacali  abbiano disertato l'incontro tecnico svoltosi in Confindustria lo scorso lunedì. La riforma del modello contrattuale è una necessità innanzitutto per i lavoratori perché il vecchio modello contrattuale lega gli aumenti salariali all'andamento dell'inflazione che è prossima allo zero.

La CISL ha nel mese di luglio presentato la sua proposta di riforma del modello contrattuale basato sui due livelli, nazionale che fissa i minimi salariali, anche per evitare l'intervento di legge da parte del Governo e aziendale o territoriale, garantisce il potere d'acquisto dei salari anche in rapporto alle attese inflazionistiche d'Europa. Il secondo livello, rafforzato attraverso un trasferimento di competenze dal contratto nazionale su aspetti normativi oltre che il salario di produttività e qualità. E' prevista nella proposta CISL anche l'istituzione di un salario di garanzia di importo significativo da erogare ai lavoratori delle aziende in cui non si fa contratto di secondo livello”.

Pubblicato in Comunicati Stampa