Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Venerdì, 25 Maggio 2018

Occhio ai prodotti rimpiccioliti allo stesso prezzo

Si sta facendo strada un fenomeno strisciante, per ora percepito solo dai consumatori più attenti, che vede diventare più piccole le confezioni di alcuni beni alimentari, per la casa e per l’igiene personale, senza però che il prezzo sia ritoccato al ribasso. Neanche a dirlo, hanno dato a questa “campagna” un nome inglese: shrinkflation (rimpicciolimento).

Tanti i prodotti coinvolti nello shrinkflation

Si sono rimpiccioliti diversi prodotti, soprattutto cioccolato e beni per l’igiene personale, come il dentifricio; i rotoli di carta igienica si accorciano, da 250 strappi si passa a 230; le barrette di cioccolato pesano di meno, nel dentifricio ci sono 75 ml di prodotto invece di 100 ml. Si riduce il numero di “pezzi” nei pacchetti di patatine. Cala il contenuto delle bevande in lattina, che passa da 33 ml a 25 ml. Si parla di riduzioni del contenuto di confetture, biscotti, pasta, miele e zuccheri, detersivi, dei fazzolettini di carta, che in un pacchetto sono diminuiti da 10 a 9.

Aumento occulto dei prezzi

Di fatto si assiste a un incremento del prezzo per unità, e quindi a un incremento anche dell’inflazionesottolinea Mina Busi, presidente ADICONSUM Bergamo -. È una strategia che le imprese stanno adottando e che si estende per certi versi anche alle aziende che forniscono i servizi come abbiamo visto con la riduzione della mensilità nella telefonia, poi rientrata nei giorni ma non nel prezzo. Questa è una manovra soft e apparentemente indolore in cui il consumatore più disattento è convinto di acquistare lo stesso prodotto allo stesso prezzo, ma subisce un aumento occulto”.

Le segnalazioni dei consumatori attenti

L’Adiconsum Bergamo sta ricevendo parecchie segnalazioni e questo testimonia che c’è un consumatore sempre più attento, che prima toglieva il prodotto dallo scaffale in maniera distratta e ora va a leggere l’etichetta nutrizionale e il contenuto in grammi e millilitri. Sembra quindi questo uno dei modi individuali per difendersi: prestare particolare attenzione agli acquisti, leggere etichette e peso dei prodotti, considerata la difficoltà che si può incontrare nel comprare prodotti sfusi.