Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Firmato da Cgil Cisl e Uil Bergamo con Confindustria l'accordo territoriale che estende la detassazione del salario aziendale anche ai lavoratori di aziende sprovviste di accordo di secondo livello. Tutto ciò è legato ai pronunciamenti previsti dall'intesa nazionale stipulata il 14 luglio 2016. Inoltre è stato istituito il comitato paritetico territoriale incaricato di recepire e valutare la conformità dei premi di risultato istituiti in azienda. L'accordo. Il verbale del comitato

Pubblicato in Archivio News
Martedì, 27 Settembre 2016 07:25

Per la sicurezza, un nuovo Modello Bergamo

“Gli infortuni non sono mai frutto del caso, e allora non dobbiamo mai abbassare la guardia. Prima ancora del salario, che è importante…è la vita e la salute della persona, lavoratrice o lavoratore, che deve stare al primo posto sempre, senza se e senza ma”.

Bergamo terza in Lombardia come numero di infortuni

Luciana Fratus, Giacomo Meloni e Amerigo Cortinovis, responsabili per CGIL CISL UIL di Bergamo dei Dipartimenti Sicurezza dei tre sindacati, senza giri di parole sintetizzano così l’approccio che deve contraddistinguere l’azione sindacale, e quella degli altri addetti ai lavori, per limitare il più possibile gli incidenti sul lavoro, e aumentare la sensibilizzazione sulle malattie professionali. CGIL CISL UIL di Bergamo hanno di questi tempi messo a punto la ricerca sulla sicurezza in provincia: ne esce che Bergamo nel 2015 è la terza provincia lombarda, dopo Brescia e Milano, come numero di infortuni ( “e purtroppo – sottolineano - la prima parte del 2016 non mostra una inversione di tendenza, con 6 infortuni mortali avvenuti a Bergamo o che hanno coinvolto in altre province lavoratori residenti a Bergamo e provincia”) .

Un convegno per presentare i dati

Gli infortuni complessivamente denunciati a Bergamo negli anni 2013 e 2014 sono stati rispettivamente 14.900, di cui il 31,3% donne, e 14.745, di cui il 31,6% donne. “C’è una “riduzione” del 1,4% , ma gli infortuni denunciati restano un’enormità”. Il dossier di CGIL CISL UIL verrà presentato al convegno “Sicurezza Modello Bergamo” che si terrà venerdì 30 settembre, alla Scuola Edile di Seriate, alla presenza di numerosi interlocutori (ATS, INAIL, Medicina del Lavoro, Ufficio Scolastico…) e con l’assenza pesante di Confindustria (che già ha fatto sapere che non ci sarà)… Bergamo, su una media di 3.200 denunce di malattie professionali in Lombardia dal 2011 al 2015, ne rappresenta oltre 1.000 ( il 30%) ed è la prima provincia in tutta la regione.

La contrattazione deve essere protagonista

Gli infortuni in itinere rappresentano circa il 17% del totale degli infortuni denunciati e causano elevati costi umani. Infine, l’andamento storico degli infortuni dal 1965 al 2014, per il lavoratore maschio si riduce di oltre il 40%, per la lavoratrice donna resta sostanzialmente invariato. I tre sindacalisti hanno spiegato che l’aumento delle denunce per malattie professionali ha due ragioni principali:  l’inserimento nel registro del Ministero di malattie prima non riconosciute, e maggiori controlli e maggiore diffusione della cultura dei diritti, compreso il tema dello stress lavoro correlato che determina condizioni di salute precarie e difficoltose. A tutto questo va aggiunto l’innalzamento dell’età pensionabile, altra fonte di possibili infortuni e malattie professionali. Sono questi alcuni aspetti sui quali la contrattazione deve essere protagonista ad ogni livello: serve agire sul piano nazionale per migliorare il sistema pensionistico, e a livello territoriale e aziendale per garantire maggior sicurezza.

Lontani dall’obiettivo “infortuni zero”

Quella del convegno, sarà l’occasione per presentare i dati aggiornati del “pianeta Sicurezza” e avanzare le proposte sindacali per creare un “Modello Bergamo” anche in questo campo.Di lavoro ci si infortuna e si muore ancora troppo, malgrado la maggiore sensibilità collettiva – dicono Fratus, Meloni e Cortinovis -. Certo il numero di infortuni in questi anni è diminuito e questo è un fatto molto positivo, ma siamo ancora lontani anni luce dall’obiettivo “infortuni zero”, e ogni infortunio o morto sul lavoro è una sconfitta per tutti”. La sicurezza non va delegata a nessuno e ogni lavoratore deve essere protagonista della sua sicurezza, “prima di tutto esigendo le tutele adeguate, ma anche essendo esigente con se stesso, e verso i suoi colleghi nella prevenzione”.

Buone pratiche da mettere in atto

Assieme, CGIL CISL UIL di Bergamo, “con la consapevolezza che non ci sono soluzioni miracolose, hanno deciso di proporre un progetto sulla sicurezza, supportato dalle tante buone pratiche da tempo in atto sul territorio, dall’attività ispettiva degli organi competenti, dall’attività degli enti bilaterali, della pariteticità, azioni che vanno rafforzate ma senza le quali il dato sulla salute e la sicurezza sarebbe sicuramente ancora più negativo. La battaglia per una maggior salute e sicurezza si vince attraverso una costante azione di prevenzione, investimenti in nuova tecnologia e impianti moderni ed ergonomici, la formazione e l’informazione, da trasmettere anche nella lingua di origine dei lavoratori provenienti dai diversi paesi, azioni attraverso le quali si possa affermare una vera e forte cultura della sicurezza. Abbiamo sempre affermato con ragione che la cultura della sicurezza deve essere trasmessa dall’età scolastica. Un primo passo positivo in questo senso è l’accordo sperimentale dello scorso novembre 2015, con l’Unione Scolastica Territoriale, sulla scuola sicura. Protocollo che si inserisce nel piano Regionale 2014/2018 di “integrazione sicurezza nei curriculum scolastici.

Non dimentichiamo le molestie sul lavoro

In sede di presentazione del convegno, è stato ricordato positivamente il protocollo, sottoscritto il 25 gennaio scorso fra Organizzazioni Sindacali e Confindustria, che recepisce l’accordo delle parti sociali europee del 2007, di contrasto alle molestie e violenze sui luoghi di lavoro. Ma sono stati necessari nove anni perché l’Italia recepisse una normativa che in Europa da anni aveva cittadinanza. ( e per inciso le molestie, discriminazioni, possono riguardare anche il genere maschile). Noi vogliamo che questa norma trovi la sua applicazione anche a Bergamo – hanno concluso - Auspichiamo che Confindustria Bergamo, alla quale abbiamo avanzato una richiesta in tal senso, attivi presto un tavolo di confronto”.


Scarica il dossier

 

Pubblicato in Comunicati Stampa

Mai abbassare la guardia! Questo è l'imperativo che le Organizzazioni sindacali CGIL, CISL, UIL di Bergamo si sono dati nel decidere di redigere un dossier sicurezza a Bergamo che oltre all'analisi dei dati infortunistici del territorio si prefigge anche di indicare alcune proposte e azioni concrete per continuare a contrastare il fenomeno negativo delle malattie e infortuni sul lavoro, perché il diritto alla salute e sicurezza è un diritto primario e insopprimibile, tuttavia purtroppo non ancora un diritto effettivo, pienamente esigibile.


Scarica il dossier

 

Pubblicato in Materiale informativo
Venerdì, 30 Settembre 2016 00:00

Sicurezza: modello Bergamo

Il sindacato della Cisl Bergamo, insieme a Cgil e Uil Bergamo, hanno organizzato il convegno "Sicurezza: modello Bergamo". Moderato da Luciana Fratus (Segreteria Cgil Bergamo) prevede l'introduzione di Giacomo Meloni (Segreteria Cisl Bergamo) e gli interventi programmati e il dibattito con le Rls. Si termina con le conclusioni di Angelo Urso (Segretario Uil Milano Lombardia).


Appuntamento il 30 settembre (9 - 13) all'Edilforum della Scuola Edile di Seriate.


Locandina

 

Pubblicato in Eventi

I sindacati Cgil, Cisl e Uil Bergamo, insieme a Confindustria Bergamo, nell'ambito delle varie iniziative a sostegno delle popolazioni terremotate colpite dal sisma del 24 agosto in Centro Italia, hanno inteso promuovere congiuntamente, a livello locale, la raccolta fondi avviata dalle strutture confederali nazionali, al fine di agevolarne la massima diffusione.

Pubblicato in Archivio News

Cgil, Cisl, Uil si mobilitano per aiutare le popolazioni colpite dal sisma nel Centro Italia. "Oggi il cuore ed il pensiero sono rivolti alle popolazioni del centro Italia colpite dal terribile sisma cui va la nostra vicinanza ed il sostegno concreto". E' il commento a caldo della Segretaria Generale della Cisl Annamaria Furlan che sul suo profilo Twitter nell'esprimere il cordoglio e la solidarietà del sindacato alle regioni colpite stanotte dal sisma assicura piena collaborazione.

Pubblicato in Archivio News
Martedì, 02 Agosto 2016 10:12

Protocollo per quattro macro aree di impegno

Nei giorni scorsi è stato siglato un Protocollo di Intesa tra il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell'Istruzione, dell'Univesità e della Ricerca che definisce quattro macro aree di impegno e di lavoro del Governo e istituisce un Comitato Guida (dove partecipa anche al Cisl) con funzioni di coordinamento e di indirizzo della strategia nazionale sulla trasformazione digitale della manifattura.

La 4 macro aree di lavoro indicate dal Protocollo, che inviamo in allegato, sono: 1) Competitività e Investimenti; 2) Awarness e policy europee; 3) Persone e competenze; 4) Infrastrutture e standard. Ciascuna macro area ha al suo interno alcune piste di lavoro che trovano ampio riscontro sia nella proposte avanzate dalla CISL nell’iniziativa del 18 luglio che nella Memoria su Industria 4.0 redatta per l’Audizione presso la Camera dei Deputati lo scorso 1° marzo 2016 (v. circolari di riferimento).

In particolare nelle diverse macro aree si evidenzia l’esigenza di: 1) Rilanciare gli investimenti industriali; 2) Potenziare la contrattazione decentrata e lo scambio salario-produttività; 3) Modernizzare la finanza di impresa; 4) Costruire la governance pubblico-privata per Industria 4.0; 5) Diffondere le competenze per Industria 4.0; 6) Rafforzare la formazione professionalizzante e l’alternanza scuola-lavoro; 7) Assicurare adeguate infrastrutture di rete.


Il testo del Protocollo

Pubblicato in Contrattazione

Martedì 26 luglio 2016, potrà essere ricordata come la giornata della contrattazione: tre tavoli attivi e cinque accordi interconfederali firmati, a cui si è aggiunto – in contemporanea con l’accordo sul modello contrattuale siglato con Confapi – il rinnovo del Ccnl dei chimici per le PMI. Una nota di Gigi Petteni (Segretario Cisl Nazionale) delinea la straordinarietà di quanto accaduto. 

Pubblicato in Archivio News

E' stato sottoscritto il 15 luglio un accordo tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria per consentire anche alle imprese prive di rappresentanze sindacali, di erogare premi di risultato aziendali collegati a incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione. "L'accordo siglato tra la nuova Confindustria di Boccia e Cgil Cisl Uil è di sicuro un' intesa importante, - dichiara il Segretario confederale Cisl, Gigi Petteni - che si inserisce in un lavoro che da mesi stiamo portando avanti e con cui siamo riusciti a strappare al governo il decreto sulla produttività per aiutare l'incentivo della contrattazione di secondo livello sui premi di risultato, sul welfare, sulla partecipazione dei lavoratori".

Pubblicato in Archivio News

E’ stato firmato lunedì 4 luglio 2016, nella sala consiliare della Provincia, l’accordo territoriale sperimentale per lo sviluppo del sistema duale, dell’Alternanza Scuola Lavoro e dell’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore (art. 43 d. lgs 81/2015) della Provincia di Bergamo.

Pubblicato in Archivio News
Pagina 3 di 8