Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Visualizza articoli per tag: Scuola

Il sindacato CISL Bergamo ha attivato anche per l'anno in corso una serie di convenzione con alcune delle Librerie e delle Cooperative di consumo della provincia di Bergamo per facilitare l’acquisto dei libri di testo scolastici a prezzi scontati ai nostri iscritti. Gli sconti previsti vanno dall' 8% al 50% per iscritti alla Cisl. Scopri i dettagli sulla scheda informativa: clicca qui

Pubblicato in Archivio News

La scuola è in fermento, e non solo per gli imminenti esami di maturità: insegnanti da trovare, edifici da sistemare. Il mondo della scuola si trova davanti a problemi “cronici”, resi più pesanti, quest’anno dal numero elevato di pensionamenti: 371 in provincia di Bergamo dei quali 33 nella scuola dell'infanzia; 137 nella scuola primaria; 102 nella scuola secondaria di 1° grado; 93 nella scuola secondaria di 2° grado; 6 tra i docenti di sostegno.

Vacanti 143 posti comuni nella scuola primaria

Inoltre, per quanto riguarda la scuola primaria, essendo stati già resi pubblici i trasferimenti annuali, si può affermare che risultano "vacanti" ben 143 posti comuni (di cui almeno 85 accantonati per le immissioni in ruolo dell'ultimo concorso ordinario) e ben 202 posti di sostegno (di cui almeno 116 accantonati per le immissioni in ruolo dell'ultimo concorso ordinario per il sostegno). E qui vengono al pettine i primi nodi. “Con la graduatoria regionale di sostegnodice Salvo Inglima, segretario generale di CISL Scuola Bergamo -, costituita da 476 docenti, difficilmente si potranno coprire tutti i posti di sostegno della Lombardia, e quindi anche della nostra Provincia. Ancora una volta, dunque, la criticità degli organici riguarda il sostegno, un segmento del sistema scuola di fondamentale importanza per il pieno successivo formativo di tutti gli studenti”.

La mancanza di Dirigenti Scolastici 

Per quanto concerne invece gli altri gradi di istruzione, per avere un quadro articolato, si dovrà attendere la pubblicazione dei trasferimenti annuali che saranno comunicati dal Miur il 4 luglio per la scuola secondaria di 1° grado e il 20 luglio per la secondaria di 2° grado. "L'aggiornamento delle graduatorie di seconda e terza fascia, - prosegue Inglima - che ha registrato una inaspettata affluenza di aspiranti docenti, provenienti anche da altri settori lavorativi e giovani neolaureati, certamente potrà essere un valore aggiunto per il corretto avvio dell'anno scolastico in tutte le scuole della nostra provincia, ma restano irrisolti dei problemi atavici: la mancanza dei Dirigenti Scolastici (l'anno prossimo ben 28 istituzioni scolastiche saranno in reggenza) e la mancanza dei Direttori dei Servizi Amministrativi-contabili (gli ex segretari)".

Un incontro formativo in vista del concorso

Il concorso per i dirigenti dovrebbe essere pubblicato a breve. A questo proposito, il sindacato Cisl Scuola Bergamo il 23 giugno organizza, nella sede di via Carnovali, un incontro formativo dal titolo "Verso la Dirigenza Scolastica". Nel frattempo, conclude Inglima, “auguriamo buon lavoro a tutti i docenti impegnati negli esami conclusivi del primo ciclo d'istruzione e negli esami di Stato e soprattutto ci rivolgiamo ai 19.929 studenti (11.489 delle 3^ medie e 8440 delle 5^ delle superiori) che in questi giorni, con impegno e spirito di sacrificio stanno affrontando gli esami”.


La locandina dell'incontro formativo

Pubblicato in Comunicati

Il sindacato della Cisl Scuola Bergamo tiene un incontro riservato agli iscritti o iscrivendi alla categoria. Tenuto da Salvo Inglima (Dirigente scolastico e Segretario Generale della Cisl Scuola Bergamo) tratterà di tematiche legate alla dirigenza scolastica: requisiti di ammissione, prova selettiva, prova scritta e orale, formazione, tirocinio e le novità della Legge 107.

L'appuntamento è venerdì 23 giugno (dalle 16.30 alle 19) nel Salone Scarpellini della sede Cisl di Bergamo. Ai partecipanti iscritti saranno comunicate le credenziali per esercitarsi sulla piattaforma Irsef-Irfed (Ente qualificato del Miur per l'aggiornamento e la formazione.


Scarica la locandina

Pubblicato in Eventi

Il sindacato della Cisl Scuola Bergamo tiene un incontro riservato agli iscritti o iscrivendi alla categoria. Tenuto da Salvo Inglima (Dirigente scolastico e Segretario Generale della Cisl Scuola Bergamo) tratterà di tematiche legate alla dirigenza scolastica: requisiti di ammissione, prova selettiva, prova scritta e orale, formazione, tirocinio e le novità della Legge 107.

L'appuntamento è venerdì 23 giugno (dalle 16.30 alle 19) nel Salone Scarpellini presso la sede Cisl Bergamo. Ai partecipanti iscritti saranno comunicate le credenziali per esercitarsi sulla piattaforma Irsef-Irfed (Ente qualificato del Miur per l'aggiornamento e la formazione.


Scarica la locandina

Pubblicato in Comunicati

Cresce la popolazione studentesca bergamasca e cresce anche la dotazione organica del corpo docente in provincia di Bergamo. Lo rende noto l’Ufficio Scolastico Regionale, che nella riunione di metà maggio ha presentato il piano per il prossimo anno scolastico.

I dati delle iscrizioni

La provincia orobica registra in totale un incremento di 415 studenti sui 137.825 totali. Nella scuola primaria, però, su un totale 51.468 studenti si registra un decremento di 365 alunni, situazione comune a tutta la Lombardia, e derivante dal sempre più marcato calo della natalità. Nella scuola secondaria di 1° grado gli alunni in più sono 65, e portano a 31.119 il numero totale degli iscritti. Nelle scuole superiori si assiste all'onda lunga dell' incremento di popolazione scolastica derivante anche dal flusso migratorio degli anni precedenti. In particolare il totale di 44.063 studenti vede l'incremento di ben 715 alunni. A fronte di questi numeri, il totale di cattedre sarà di 10.825, di cui ben 864 posti di "potenziamento" , cioè i docenti incaricati di ampliare l'offerta formativa della scuola. L'incremento totale di cattedre che registra la scuola bergamasca si traduce in 163 posti, derivanti dal consolidamento dell'organico “di fatto” in organico “di diritto” ( cioè cattedre sino al 31 agosto).

Le considerazione di Salvo Inglima

Adesso i Direttori degli Uffici Scolastici Regionali dovranno effettuare la distribuzione della dotazione organica tra i vari gradi di istruzione, compresa la scuola dell'infanzia. Per i licei musicali i posti da ripartire a livello regionale sono 292. “Resta la necessità di indire immediatamente i concorsidice Salvo Inglima, segretario generale del sindacato CISL Scuola Bergamo -, in attuazione di quanto previsto dal recente decreto sul reclutamento, sia per dare risposte alle legittime attese dei docenti precari, che dovranno avere l'equo riconoscimento del percorso già svolto, sia per assicurare la primaria funzione educativa della scuola, cioè quella di garantire il pieno successo formativo di ogni alunno, soprattutto di coloro che si trovano in situazioni di svantaggio. Il successo formativo necessita di tre elementi: continuità didattica, insegnanti di sostegno specializzati e congrue risorse economiche per assicurare il corretto funzionamento amministrativo e didattico di ogni Istituzione scolastica”.

Pubblicato in Comunicati

È bergamasca la nuova segretaria generale della Cisl Scuola Lombardia. Silvana Milione, 60 anni, tesserata Cisl da oltre 30, e in segreteria regionale dal 2015, è stata eletta (31 voti su 36) a capo di una delle più numerose categorie della Cisl (oltre 43.000 iscritti) dal Congresso regionale che si è svolto il 27 e 28 aprile a Uggiate-Trevano, in provincia di Como. Prende il testimone di Adria Bartolich. Comunicato

Pubblicato in Archivio News

È bergamasca la nuova segretaria generale della Cisl Scuola Lombardia. Silvana Milione, 60 anni, tesserata Cisl da oltre 30, e in segreteria regionale dal 2015, è stata eletta (31 voti su 36) a capo di una delle più numerose categorie della Cisl (oltre 43.000 iscritti) dal Congresso regionale che si è svolto il 27 e 28 aprile a Uggiate-Trevano, in provincia di Como.

Prende il testimone di Adria Bartolich

Il posto di segretario generale è rimasto vacante dopo che Adria Bartolich, segretaria generale uscente, è stata eletta alla guida della Cisl dei Laghi. "Per la scuola, il 2016 è stato il peggiore che la Lombardia si ricordi, soprattutto per quanto riguarda i posti della scuola primaria e gli insegnanti di sostegno" è stato il leit motiv del Congresso. "La scuola non ha bisogno di sferzate o di mortificazioni generalizzate, non ne hanno bisogno i suoi lavoratori, già abbastanza puntiti sul piano professionale e salariale da un decennio per il mancato rinnovo del contratto - ha detto Adria Bartolich nella sua relazione introduttiva - . Ha bisogno di interventi mirati nelle situazioni più critiche, senza generalizzare. E poi occorre maggiore sostegno e supporto da parte delle istituzioni”.

Pronti per le sfide che ci attendono

La nuova segreteria regionale sarà composta oltre che da Milione, da Massimiliano Sambruna di Milano e da Stefano Granata di Pavia.Mi assumo questa responsabilità – ha dichiarato Milione - nella certezza di poter contare sempre sulla collaborazione di tutta la categoria. Sin da oggi, proseguiremo il lavoro avviato lungo le direttrici stabilite dal Congresso e continueremo a dedicare tutto il nostro impegno sia per rispondere ai bisogni immediati dei nostri iscritti, sia per affrontare le sfide che ci attendono”.

Pubblicato in Comunicati

È stato firmato il contratto sulla mobilità dei docenti e del personale Ata, congiuntamente al passaggio da ambito a scuola. È un buon contratto, che concilia le legittime esigenze della mobilità dei lavoratori con il diritto allo studio.

L’incognita sul nuovo anno scolastico

L’accordo stabilisce i criteri per la mobilità dei docenti e del personale Ata. Le domande dei docenti si potranno presentare da domani, 13 aprile, al 6 maggio. Quelle del personale Ata dal 4 maggio al 24 maggio.Per quanto possiamo ipotizzare, - precisa Salvo Inglima, segretario generale della CISL SCUOLA di Bergamo - si preannuncia una significativa richiesta di domande di trasferimento dalla nostra provincia”. “La questione, ora, - riprende Inglima - è capire cosa succederà all’avvio del prossimo anno scolastico: il rischio è che si ripeta la situazione dello scorso settembre. Per questo riteniamo che le legittime esigenze dei lavoratori della scuola siano sostenute dal bando di nuovi e necessari concorsi, utili per coprire i posti che si verranno a svuotare per questo accordo che, di certo, è un’apertura verso il ritorno a casa di molti docenti, che sono stati penalizzati dal famoso "algoritmo" del Miur”.

Il governo chiamato ad anticipare i disagi

Per la CISL Scuola Bergamo, dunque, non è in discussione la bontà dell’accordo, dal momento che il personale scolastico è stato pesantemente toccato dalle vicissitudini dei trasferimenti dello scorso anno. “Serve, però, che il Governo anticipi il possibile disagio che un controesodo potrebbe provocare alle strutture scolastiche della provincia: i concorsi precedentemente espletati non sono stati sufficienti a ricoprire i posti vacanti. Urge, dunque, l'immediata indizione di nuovi concorsi che possano dare legittime e concrete risposte al mondo della scuola. Innanzitutto, ci preme che siano pubblicati quelli relativi agli insegnanti di sostegno, figura per la quale su Bergamo si vive una crisi non indifferente: solo in quest’anno scolastico, la metà degli incaricati non ha il possesso del titolo specialistico , ma è stato incaricato dai dirigenti impossibilitati a fare diversamente”.

La scuola merita un clima di serenità e fiducia

Comunque, continua Inglima, l’accordo sarà “utile non solo per i lavoratori, ma in generale per il buon andamento di un servizio che purtroppo sconta da anni mille difficoltà, problemi e tensioni. Non è possibile che la qualità e la efficacia della scuola debbano dipendere, come avviene, unicamente dal senso di responsabilità e dalla passione per il proprio lavoro con cui insegnanti, personale Ata e dirigenti continuano, nonostante tutto, a operare ogni giorno. La scuola ha tutto da guadagnare se si recupera, come chiediamo da tempo, un clima diverso, di serenità, di fiducia”.

Pubblicato in Comunicati
Pagina 1 di 14