Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Visualizza articoli per tag: Artigiani
Giovedì, 09 Novembre 2017 08:21

Sportello Artigiani anche a Grumello del Monte

La rete degli “Sportelli Artigiani” della CISL si amplia in questi giorni di un nuovo recapito. Dopo Bergamo, Gazzaniga, Zogno, Ponte San Pietro, Treviglio, Lovere, il 16 novembre aprirà infatti anche lo sportello di Grumello del Monte, a testimonianza dell’impegno della CISL di Bergamo verso i lavoratori del settore Artigianato che conta in provincia oltre 25.000 lavoratori distribuiti in quasi 6.000 aziende attive.

Riferimento per gli artigiani della zona

Il recapito di Grumello, posizionato presso la sede CISL del paese, sarà il riferimento per gli artigiani del basso Sebino e della Val Cavallina e sarà aperto in via sperimentale ogni Giovedì dalle 16 alle 18. Questa area della provincia di Bergamo vede occupati nel settore oltre 6.550 lavoratori in circa 1.400 aziende. “È una presenza importante per il tessuto occupazionale, produttivo e dei sevizi del territorio, - precisa Giacomo Meloni, segretario del sindacato Cisl Bergamoche ha vissuto negli ultimi anni le difficoltà della grave crisi globale ma che con gradualità e l’ausilio dell’ammortizzatore della cassa integrazione in deroga, ha ripreso sia sul piano occupazionale che dell’attività, come dimostra il dato del secondo trimestre 2017 a Bergamo che vede il saldo positivo tra aziende iscritte e cessate alla Camera di Commercio, per 74 unità”.

Assistenza e consulenza

Allo Sportello Artigianato il lavoratore troverà assistenza e consulenza per quanto riguarda i diritti contrattuali, le opportunità offerte dal fondo sociale WILA e sanitario, SAN.ARTI, costituiti contrattualmente ed esempio positivo di welfare attuale e moderno. Dal 2018 poi i lavoratori dell’artigianato potranno trovare presso tutti gli sportelli artigianato CISL il necessario supporto alla richiesta di provvidenze previste dalla bilateralità artigiana che comporta per il lavoratore il beneficio di contributi economici, ad esempio sull’anzianità professionale aziendale, sull’acquisto di lenti da vista, per l’ acquisto di libri scolastici, il mutuo per la prima casa, le rette degli asili nido. “Questo ultimo aspetto – ricorda Meloni - è il frutto di un verbale di accordo regionale fra le organizzazioni sindacali Cisl, Cgil, Uil e le organizzazioni dell’artigianato, Confartigianato, C.N.A. Casartigiani, C.L.A.A.I. del 18 ottobre 2017. Oltre al verbale di accordo sottoscritto a Bergamo fra le stesse associazioni territoriali si sanciva la possibilità di avvalersi di sportelli sindacali per lo svolgimento di pratiche di provvidenze e di welfare”.

Pubblicato in Comunicati Stampa
Mercoledì, 22 Novembre 2017 00:00

Il welfare nell'artigianato: scopri le provvidenze

In Lombardia, le lavoratrici e i lavoratori dipendenti delle aziende artigiane possono usufruire di tante prestazioni frutto della contrattazione regionale e nazionale e della bilateralità. A secondo delle necessità, le richieste di contributo o rimborso possono essere presentate a 3 diversi enti: SANARTI il fondo nazionale di Sanità integrativa, WILA il fondo di Welfare lombardo, ELBA l’Ente lombardo bilaterale dell’artigianato. 

Un incontro promosso dal sindacato Cisl Bergamo (22 novembre alle 9.30 nella Sala Riformisti della Cisl Bergamo) fornirà le coordinate per capire nel dettaglio come e quando è possibile usufruire delle provvidenze. Ne parleranno Giacomo Meloni (Segretario Cisl Bergamo), Cesare Aresi (responsabile Sportello Artiginato Cisl Bergamo) e Paolo Reboni (Cisl Lombardia) 


Scarica la locandina

 

Pubblicato in Eventi

Da lunedì 19 giugno partirà a Gazzaniga la sperimentazione dello Progetto Artigiani (con l’apertura di uno specifico sportello) che ha esordito con successo a Bergamo dall’inizio dell’anno. Si tratta di un’iniziativa condivisa con la Cisl Lombardia. Ancora una volta il sindacato Cisl Bergamo si rende protagonista, insieme ad altri attori della contrattazione, dell’avvio di nuovi e utili strumenti nel campo del welfare destinato ai dipendenti delle aziende artigiane e ai loro familiari. Comunicato e videospot

Pubblicato in Archivio News

Da lunedì 19 giugno partirà a Gazzaniga la sperimentazione dello Progetto Artigiani (con l’apertura di uno specifico sportello) che ha esordito con successo a Bergamo dall’inizio dell’anno. Si tratta di un’iniziativa condivisa con la Cisl Lombardia. Ancora una volta il sindacato Cisl Bergamo si rende protagonista, insieme ad altri attori della contrattazione, dell’avvio di nuovi e utili strumenti nel campo del welfare destinato ai dipendenti delle aziende artigiane e ai loro familiari.

Sportello aperto tutti i lunedì dalle 16.30 alle 18

Servirà un contesto territoriale nel quale sono attive 1202 imprese artigiane per una “popolazione dipendente” di quasi 4000 lavoratori. La Bergamasca conta oltre 25.000 lavoratori dipendenti di imprese artigiane, distribuiti in quasi 6000 aziende attive. È un settore dell’economia orobica in sofferenza: anche nella rilevazione del primo trimestre di quest’anno, infatti, l’artigianato ha perso qualcosa come 300 aziende rispetto al 2016, ma rimane comunque diffuso e vivace.

Quasi 2000 lavoratori coinvolti

Il progetto arriverà in 264 imprese della Valle Seriana, quelle cioè con 7 e più dipendenti (poco meno di duemila i lavoratori coinvolti). “È verso queste imprese che si è stabilito di avviare il progettoribadisce Giacomo Meloni della segreteria CISL di Bergamo - .Il sistema dell'artigianato nella nostra provincia è molto diffuso e per i lavoratori artigiani gli ultimi risultati della contrattazione sono stati particolarmente rilevanti. Rimane però per il sindacato sempre difficile raggiungere ogni piccola realtà e ogni singolo dipendente”. “Ma è importante che sappiano – prosegue Meloni - che ogni lavoratore artigiano ha diritto alla formazione, che su prestazioni sociali e sanitarie esistono fondi integrativi. La CISL e le sue categorie intendono perciò fornire alle lavoratrici e ai lavoratori dell'artigianato, e a tutti coloro che sono interessati, un servizio che permetta una maggior conoscenza dei diritti e delle opportunità che il sindacato ottiene attraverso la contrattazione”.

Informazione sui fondi Wila e Sanarti

Per questo, CISL Bergamo sta sostenendo e attuando il nuovo sportello a Gazzaniga dedicato all’informazione relativa ai fondi WILA e San.Arti per i dipendenti delle tante piccole imprese artigiane che da Albino a Castione offrono occupazione e lavoro, soprattutto nei settori della meccanica, del tessile e delle costruzioni. Lo Sportello Artigiano è “figlio” dell’analogo servizio attivo nella sede di via Carnovali dall’inizio dell’anno, e sarà il primo degli sportelli periferici che CISL Bergamo avvierà nelle diverse sedi.


Il video spot divulgato dalla Cisl Bergamo

 

Pubblicato in Comunicati Stampa

Locandina riepilogativa dei rimborsi e degli aiuti economici e sanitari dedicati ai lavoratori artigiani attraverso i fondi Wila e Sanarti

Pubblicato in Materiale informativo
Martedì, 02 Maggio 2017 00:00

Decreti CIGD anno 2014

DECRETI CIGD - Anno 2014
Fonte: Direzione generale istruzione, formazione e lavoro.
I dati riguardano solo la provincia di Bergamo.

Pubblicato in Decreti CIGD
Martedì, 09 Maggio 2017 08:29

Decreti CIGD anno 2016

DECRETI CIGD - Anno 2016
Fonte: Direzione generale istruzione, formazione e lavoro.
I dati riguardano solo la provincia di Bergamo.

Pubblicato in Decreti CIGD
Giovedì, 23 Febbraio 2017 00:00

Elba: prestazioni 2017

Prestazioni richiedibili dall’1 marzo 2017. Per eventi verificatesi nei mesi di gennaio e febbraio 2017, i termini di presentazione delle domande riguardanti le seguenti provvidenze, decorreranno dall’1 marzo 2017 rivolgendosi alle sedi CISL. Scarica il pdf

Pubblicato in Materiale Informativo
Mercoledì, 22 Febbraio 2017 08:39

Artigiani: anno nuovo, ammortizzatori nuovi

Dopo anni di difficoltà si avverte una ripresa della produzione artigiana nel corso del 2016. Lo rivela la recente indagine della Camera di Commercio. Il settore dell'artigianato a Bergamo rappresenta quasi 30.000 lavoratori dipendenti occupati che sono più del 10% dei lavoratori presenti sul territorio, con una dimensione media delle imprese artigiane di 2,7 addetti per impresa attiva.

L’importanza dalla CIGD per i lavoratori artigiani

L’auspiciodice Giacomo Meloni, segretario del sindacato CISL Bergamo - è che con la produzione aumenti anche l’occupazione che, negli anni della crisi e recessione che ha investito il nostro paese dal 2008 ad oggi , ha avuto una pesantissima riduzione”. Quello delle aziende artigiane è un settore in cui, negli anni di maggior crisi, ha rivestito una notevole importanza il ricorso alla Cassa Integrazione in Deroga (CIGD ). Questo ammortizzatore sociale, non previsto in passato per le aziende artigiane, è stato fortemente voluto dal sindacato e, pur con ritardi a volte intollerabili sui tempi di pagamento, è stato un importantissimo strumento per la salvaguardia del posto di lavoro e riorganizzazione delle aziende.

Il Fondo di Solidarietà Bilaterale Alternativo

A Bergamo negli ultimi due anni sono stati firmati oltre 1.000 accordi di CIGD . “Dal primo gennaio 2017 - avvisa Meloni - è terminata la possibilità di ricorso alla CIGD per i lavoratori delle imprese artigiane e si avvia l'F.S.B.A. (Fondo di Solidarietà Bilaterale Alternativo) dell'artigianato ovvero la cassa integrazione per i dipendenti delle aziende artigiane. Questo fondo è stato costituito con l’Accordo sottoscritto a dicembre 2015 fra le parti sociali per gestire le sospensioni dal lavoro in caso di situazioni di crisi aziendali dovute ad eventi transitori non imputabili all'impresa e per situazione temporanee di mercato, anche in aziende artigiane di un solo dipendente”. Al finanziamento del Fondo FSBA concorrono sia le aziende che i lavoratori: le prime con il versamento a partire dal 1 gennaio 2016 dello 0,45% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali; i dipendenti con il versamento dello 0,15 % dal 1 luglio 2016. Due sono le prestazioni, alternative fra loro, che il fondo eroga in caso di sospensione lavorativa: l'assegno ordinario per 13 settimane nel biennio o l'assegno di solidarietà per 26 settimane nel biennio. L'importo massimo mensile erogato è di 971,71 euro lorde.

I risultati contrattuali ottenuti

La contrattazione fra le parti sociali e il ruolo della bilateralità artigiana sia regionale che territoriale, hanno determinato nel tempo importanti risultati contrattuali a favore dei lavoratori del settore, che si concretizzano in rimborsi e contributi economici. A questo proposito ricordiamo che il fondo di sanità integrativa SAN.ARTI permette ai lavoratori di ricevere rimborsi per spese sanitarie, (a Bergamo sono associati 21.762 lavoratori dipendenti di 5.334 aziende artigiane). I dipendenti iscritti al fondo possono inoltre iscrivere volontariamente anche i famigliari pagando per loro un contributo annuo. Le prestazioni erogate dal fondo possono essere richieste dai dipendenti delle aziende che applicano uno dei sette contratti collettivi regionali dell’artigianato e per i quali le aziende versano al fondo 60 euro l'anno per ogni dipendente. Interessati a questa opportunità sono a Bergamo 27.400 lavoratori e lavoratrici. Le sette categorie interessate dai contratti regionali sono l'area Meccanica; Legno e Lapidei; Acconciatura Estetica e Centri Benessere; Chimica; Ceramica; Alimentari e Panificazione; Comunicazione; Tessile e Moda.

Gli sportelli della Cisl Bergamo in città e provincia

La CISL Bergamo ha attivato in alcune delle sedi principali il Servizio Artigiani, aperto secondo diverse modalità e orari diverse, per fornire ogni informazione utile ai lavoratori. Consulta la pagina internet dedicata

Pubblicato in Comunicati Stampa
Giovedì, 24 Novembre 2016 13:11

Artigianato al traguardo

Dopo mesi di trattative Cgil, Cisl e Uil hanno firmato con le associazioni dell’artigianato l’intesa per il nuovo modello contrattuale che riguarda un milione e mezzo di lavoratori. Un accordo molto innovativo, che rilancia il ruolo negoziale delle parti sociali, con l’obiettivo di avere un quadro di regole chiare, modernee partecipative. Nell’intesa sull’artigianato sono centrali il rafforzamento degli enti bilaterali, il livello territoriale di contrattazione e l’aggregazione dei contratti in 4 aree: manifattura, servizi, edilizia, trasporti.

Pubblicato in Archivio News
Pagina 1 di 3