Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Lunedì, 22 Gennaio 2018

Anche Bergamo nel piano Telecom?

Anche Bergamo dovrebbe rientrare nel piano di ristrutturazione aziendale di Telecom, presentato giovedì 21 gennaio ai sindacati, e che prevede 7500 uscite e 2000 assunzioni

La Fistel chiede maggiori informazioni

A livello localedice Terry Gattoni, del sindacato FISTEL CISL Bergamo - abbiamo chiesto maggiori informazioni sull’applicazione degli esodi incentivati e della solidarietà espansiva. Per ora non possiamo quantificare l’impatto su Bergamo, ma aspettiamo di entrare in merito alla trattativa, anche se i tempi sono ristretti e di sicuro le ripercussioni ci saranno anche localmente. Per noi – conclude Gattoni – è fondamentale aver chiaro il piano industriale, oltre alla fattibilità e sostenibilità dello stesso”.

I punti salienti del programma

In particolare si prevedono 4.000 uscite in prepensionamento, elevabili a 5.000 in base all'articolo 4 della legge Fornero, per i dipendenti che hanno maturato i requisiti entro la fine di quest’anno. Altri 2.500 dipendenti, come indicazione massima, sono previsti come esodi incentivati, uno strumento che sarà proposto a tutto il personale. Il gruppo inoltre prevede 2.000 assunzioni a fronte di una solidarietà espansiva (cioè finalizzata alle assunzioni) di circa 20 minuti al giorno che coinvolgerebbe tutti i dipendenti. "Il programma di riorganizzazione di TIMdichiara Vito Vitale, segretario generale di FISTEL CISL -, pone dei temi fondamentali: in primo luogo, le ripercussioni finanziarie dell'applicazione della legge Fornero in termini di copertura previdenziale; ma soprattutto quale sarà l'azienda futura e come saranno tutelati i lavoratori che restano".