Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Venerdì, 26 Maggio 2017

In Pigna parte la riqualificazione

Dopo l’accordo del 10 maggio con le Cartiere Paolo Pigna spa e con Rilecart srl sulle politiche attive destinate alla riqualificazione e al reimpiego, per gli 88 lavoratori in esubero nelle due aziende è organizzato un incontro lunedì 29 maggio (ore 10) nella sala consiliare del Comune di Alzano Lombardo.

Davanti a noi abbiamo tre diverse fasi: un momento di conoscenza individuale dei lavoratori attraverso colloqui mirati per individuare le esperienze, le competenze e le aspettative di ciascuno - spiegano Luca Legramanti, Paolo Turani e Bruno Locatelli, rispettivamente segretari di FISTEL CISL, SLC CGIL e UILCOM UIL di Bergamo. - In secondo luogo verranno individuati processi di mappatura delle imprese del territorio, con un’azione finalizzata alla rilevazione dei fabbisogni occupazionali. A seguire, verranno scelti i percorsi formativi più idonei e funzionali al reinserimento nel mercato del lavoro locale e i percorsi di accompagnamento al lavoro”.

Alla firma del 10 maggio erano intervenuti rappresentati della Provincia di Bergamo, del Comune di Alzano Lombardo, di Confindustria e Confimi di Bergamo, i sindacalisti di FISTEL, SLC e UILCOM provinciali, più gli operatori accreditati ai servizi per il lavoro ABF Azienda Bergamasca Formazione, Fondazione Enaip Lombardia, Umana SpA, Uform, Agsg srl e Ial Lombardia. Vigileremo affinché questo accordo porti concrete e positive opportunità di lavoro - avevano detto i tre sindacalisti, il giorno della firma. - Alle persone in esubero verranno proposte le misure di politica attiva regionali disponibili e che prevedono percorsi di riqualificazione e azioni finalizzate all’outplacement, con l’obiettivo di favorirne la ricollocazione”.