Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Mercoledì, 15 Marzo 2017

Nasce la Johnson CPZ Srl. In allerta i lavoratori

Un anno fa, a marzo, i 297 lavoratori delle Arti Grafiche Johnson spa di Seriate facevano i bagagli per trasferirsi a Bergamo, incorporati dal Nuovo Istituto Italiano D'Arti Grafiche (NIIAG). Ora torneranno a Seriate, e questa volta non cambieranno solo ragione sociale, ma anche proprietà.

La cessione del ramo d’azienda

NIIAG (Arti Group) ha infatti annunciato l’intenzione di cedere un ramo d’azienda, proprio quella che coincide con i lavoratori provenienti dalla ex Johnson, impegnati nella produzione di quaderni, calendari e agende. La notizia della cessione di ramo è arrivata il 2 marzo, giorno in cui si è tenuto un incontro fra le parti in Confindustria. Nella sede di Bergamo, attualmente lavorano 671 persone, compresi i lavoratori in arrivo da Seriate. Con il loro nuovo trasferimento la NIIAG verrà sostanzialmente dimezzata.Questi lavoratori in un solo anno sono stati ‘conferiti’ due volte, cioè per due volte in un periodo così breve hanno cambiato azienda”, racconta Luca Legramanti, segretario generale del sindacato FISTEL CISL Bergamo.

Cpz con un organico 5 volte più numeroso

La cessione di ramo avverrà all’interno della Johnson CPZ srl, società attualmente esistente con lo scopo di unificare la ex Johnson e CPZ. Il 50% della srl appartiene ad Arti Group, l’altro 50% a CPZ, un’azienda grafica di Costa di Mezzate che, contestualmente alla cessione di ramo, acquisterà tutte le quote della srl. Dunque, alla fine delle operazioni societarie, tutti i 297 lavoratori incorporati lo scorso anno non saranno più dipendenti dello storico gruppo Arti Group. La CPZ spa è un’azienda che oggi occupa circa 70 persone nella lavorazione di stampe digitali e agende. Con la cessione da parte di NIIAG arriverà a contare un organico cinque volte più numeroso.

Le preoccupazioni dei sindacati

Le parti hanno dato garanzie occupazionali per tutti - prosegue il sindacalista, che insieme a SLC CGIL e UILCOM UIL ha gestito l’operazione. - Ci hanno assicurato che il passaggio avverrà in continuità di rapporto di lavoro, senza interruzione, con le stesse garanzie economiche, nel rispetto del Contratto collettivo nazionale dei Grafici Industria, con gli stessi trattamenti di secondo livello e trattamenti individuali. Il punto è che oltre ad essere preoccupati per i 297 che torneranno a Seriate, siamo inquieti anche per coloro che restano in NIIAG: è, infatti, evidente il cambio di strategia del gruppo. Appena un anno fa ci venne presentato un piano industriale espansivo che prevedeva investimenti in tecnologia soprattutto nel settore della stampa di libri, e investimenti espansivi con un interessamento particolare nei confronti di Pigna, di cui si diede anche notizia alla stampa, lasciando intendere anche di avere mire di acquisizione di altre aziende di Bergamo. Di tutto questo movimento non se ne è fatto più nulla. Gli attesi investimenti tecnologici ad oggi non ci sono, l’interessamento verso Pigna è tramontato e oggi siamo alla vendita di quasi metà gruppo, quantomeno per numero di lavoratori coinvolti”.

Chiesto un incontro con entrambe le aziende

Ecco perché i sindacati si dicono preoccupati sia per i lavoratori che se ne andranno sia per coloro che resteranno: “Abbiamo chiesto ad entrambe le aziende un incontro urgente, entro la metà di marzo. Chiederemo di chiarire aspetti legati ai tempi della cessione, a quelli dell’effettivo trasloco, ma anche aspetti legati alla gestione e al destino delle produzioni ibride, cioè di quei laboratori che lavorano su produzioni ex Johnson e NIIAG insieme. Chiederemo che ci venga fornito l’elenco esatto dei 297 lavoratori coinvolti e chiederemo conto del destino del sito produttivo di Grassobbio (dove in organico ci sono 70 lavoratori, immaginiamo parte dei 297 da cedere). Ci aspettiamo che le due aziende ci forniscano dettagli sull’organizzazione complessiva del lavoro di chi va e di chi resta dopo il distacco, ed anche i due diversi Piani industriali di Johnson-CPZ e di NIIAG, che non siano la solita dichiarazione d’intenti che poi resta solo sulla carta. Ci aspettiamo che NIIAG mantenga gli impegni dichiarati e investa le risorse ricavate dalla vendita nel sito produttivo di Bergamo per renderlo competitivo ed efficiente. I lavoratori hanno bisogno di certezze e di prospettive sicure. Per quanto riguarda il futuro dei lavoratori conferiti in CPZ ci aspettiamo anche in questo caso che quello che è stato dichiarato ai tavoli venga mantenuto. Questa operazione societaria deve essere di rilancio per tutti i lavoratori coinvolti”.