Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Giovedì, 31 Maggio 2018

Sul contratto alla mensa “Markas non dice la verità”

Per FILCAMS CGIL e FISASCAT CISL di Bergamo prosegue la battaglia per il ripristino di equità e riconoscimento professionale per il personale della mensa presso l’Ospedale di Treviglio. Markas Srl ha vinto l’ultimo appalto, decidendo, nonostante il capitolato non sia stato ritoccato al ribasso, di pretendere da ogni lavoratore una rinuncia al 22% delle ore, e quindi dello stipendio.

A seguito di alcune dichiarazioni rilasciate da Markas ai media locali, Aronne Mangili di FILCAMS e Claudia Belotti di FISASCAT rilasciano la seguente dichiarazione.

“Contestiamo la ricostruzione fatta da Markas, in quanto non solo il numero dei pasti richiesti dal nuovo capitolato non si è ridotto ma, come dice il verbale dell'ispettorato, “di fatto il committente ha aggiunto altri servizi sul capitolato quali la consegna ed il ritiro dei pasti all'interno dei reparti. inoltre si è aggiunto un servizio serale mensa per il personale dipendente dell'ospedale”.

Per questa ragione, i sindacati hanno proposto invano il rispetto del CCNL e quindi il passaggio di tutto il personale diretto e immediato, senza periodo di prova, alle stesse modalità e condizioni già acquisite dai lavoratori in quanto non si evince alcuna modifica peggiorativa del capitolato, ma un incremento dello stesso. I sindacati sono sempre disponibili a proseguire i confronti con l'azienda Markas anche se fino ad ora la posizione dell'azienda è stata di completa chiusura e rigidità.

È vero che i lavoratori saranno convocati per la firma del contratto, ma facciamo presente che l'azienda ha dichiarato che chi non firma il contratto peggiorativo non potrà prendere servizio. Nei prossimi giorni, FILCAMS CGIL , FISASCAT CISL e i lavoratori si attiveranno con iniziative di sensibilizzazione nei confronti degli utenti”.