Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Giovedì, 05 Aprile 2018

Firmato il secondo livello provinciale alla Markas Service

È stato ratificato nei giorni scorsi dai lavoratori il rinnovo del Contratto integrativo provinciale, siglato all’inizio dell’anno a Bergamo, della Markas Service srl, società specializzata nei servizi di pulizia di strutture ospedaliere. Per la Markas Service lavorano, negli appalti della provincia, 500 persone (di cui circa 300 all'ospedale Papa Giovanni XXIII). Il precedente rinnovo era stato firmato il 5 marzo 2015.

Riconosce importanti elementi integrativi

I contenuti di quell’intesa sono stati prorogati per il prossimo triennio e riguarderanno, fra gli altri, i lavoratori occupati - oltre che all’ospedale Papa Giovanni XXIII - all’ospedale di Ponte San Pietro e Zingonia, al FERB di Trescore e alla Casa di Riposo di Grumello. “È uno dei pochi accordi di secondo livello ancora operativi nel mondo delle pulizie - commentano Luca Bottani e Claudia Belotti del sindacato FISASCAT CISL Bergamo - Riconosce importanti elementi integrativi di natura sia normativa che economica. Per questo esprimiamo grande soddisfazione per il rinnovo ottenuto che conferma ai lavoratori coinvolti benefici interessanti che rendono merito dell’importante lavoro svolto da questi operatori nei luoghi di cura”.

Flessibilità per le mamme lavoratrici

Riconosce importanti elementi integrativi Vengono, infatti, riconosciute una base di maggiorazione del 15% per il lavoro domenicale (estesa al 30% per gli appalti con marginalità più elevate) e l’indennità oraria di 0,60 centesimi all’ora per la pulizia di stanze o reparti che espongono i lavoratori a particolari disagi come le unità coronariche, le camere di isolamento e la psichiatria. Viene, poi, prevista un’indennità di profilassi per i lavoratori esposti a tale disagio. Per quanto riguarda i soli lavoratori dell’ospedale Papa Giovanni XXIII viene riconosciuto un premio di risultato in funzione della percentuale di assenteismo. La parte normativa dell’accordo introduce diritti ulteriori rispetto al Contratto Collettivo Nazionale di lavoro: in particolare per quanto riguarda la flessibilità delle lavoratrici madri, la pianificazione delle ferie, l’anticipo del TFR e il libretto formativo.