Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Giovedì, 20 Ottobre 2016

Donne e giovani “vittime” nel commercio

Negli ultimi mesi, la popolazione femminile della Lombardia ha pagato duramente l’uscita dalla crisi e i primi segnali di ripresa. A Bergamo, secondo le rilevazioni ISTAT, il tasso di disoccupazione è salito anche in virtù dell'aumento del numero di donne inattive.

La ricerca della Fisascat Cisl Bergamo

Infatti, i tassi di occupazione di Bergamo dicono che quello maschile, attorno al 71% cresce di poco, mentre quello femminile, poco sopra il 50%, diminuisce di qualche punto percentuale. Insomma, chi paga il conto più salato nelle crisi aziendali di questi anni è, neanche a dirlo, l’universo femminile e, secondo la ricerca FISASCAT CISL di Bergamo, i giovani. Il dato emerge con nitidezza dall’analisi sui dati che la CISL ha raccolto per le dichiarazioni NASPI, almeno nei comparti di commercio, turismo e servizi nell’ultimo anno.

All’Inas 975 domande di Naspi

Donne e giovani – sostiene Alberto Citerio, segretario generale del sindacato FISASCAT CISL Bergamo - sono i primi a uscire in caso di crisi, perché hanno mediamente le posizioni più basse. Inoltre, sono le categorie più portate a accettare quando viene prospettato un incentivo all’esodo e 2 anni di Naspi, forse per la convinzione di avere comunque prospettive”. Dallo scorso novembre a oggi, il patronato INAS CISL di Bergamo ha raccolto 975 domande di NASPI di lavoratori prima impiegati nei settori di competenza della FISASCAT. Di questi “solo” 364 sono uomini, e ben 611 donne. Sotto i 30 anni, quasi il 30 % dei licenziati (254).

Un direttivo per affrontare l’argomento

Sono due numeri che si possono commentare da soli – continua Citerio -, ma secondo noi è la dimostrazione lampante di una debolezza del settore, in cui la precarietà di oggi si scontra con la solidità delle assunzioni effettuate parecchi anni fa, creando due gruppi di lavoratori con diritti e situazioni diverse. Da un lato chi assunto da tempo, con diritti e tutele stabiliti, dall’altro le nuove assunzioni con formule diverse e tutele non certo ottimali”. FISASCAT CISL riunisce il direttivo proprio per discutere di situazioni sindacali e contrattuali. Lo farà giovedì 20 e venerdì 21 ottobre, presso l’Hotel San martino di Darfo Boario Terme. Ai lavori parteciperà anche l’economista Alberto Berrini e, venerdì, il segretario nazionale Davide Guarini.