Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Giovedì, 14 Dicembre 2017

Italcementi Calusco/Rezzato: accordo premio aziendale

Dopo tre mesi di discussione, è arrivato l’accordo per l’erogazione di un Premio aziendale ai circa 280 lavoratori dei due stabilimenti Italcementi di Calusco e Rezzato: il 12 dicembre, nella sede Italcementi di Milano si è tenuto l’incontro tra la Direzione aziendale, la RSU e le organizzazioni sindacali FILLEA-CGIL e FILCA-CISL di Bergamo e Brescia che hanno sottoscritto l’intesa.

425 euro lorde per il 2017

L’accordo firmato prevede il riconoscimento di 425 euro lorde per il 2017, prorogabile anche nel 2018, nel caso in cui la trattativa di secondo livello in discussione a livello nazionale non portasse condizioni di miglior favore a livello economico per i lavoratori hanno spiegato i segretari generali Luciana Fratus di FILLEA-CGIL e Danilo Mazzola di FILCA-CISL di Bergamo -. Il premio verrà riconosciuto con la retribuzione del mese di dicembre e verrà erogato a tutti i lavoratori. A chi si trovi in Cassa Integrazione o sia stato trasferito, il premio verrà riconosciuto pro quota per il periodo lavorato nel 2017”.

Si premiano il sacrificio dei lavoratori

È un risultato dignitoso frutto di un equilibrio costruito con l’azienda durante i vari incontri. Si premiano la fatica e il sacrificio dei lavoratori in questi anni difficili e si dà il segnale che investire nel proprio patrimonio professionale, dopo una riorganizzazione del Gruppo in conseguenza all’acquisizione di Italcementi da parte di HeidelbergCement, è una delle strade da seguire per il rilancio del comparto del cemento, insieme alle altre proposte illustrate nella giornata di mobilitazione del 7 dicembre: l’impegno e l’investimento nella ricerca e nell’innovazione e l’utilizzo di impianti per la creazione di energia alternativa (CSS).