Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Giovedì, 21 Settembre 2017

Gruppo Ferretti: sciopero il 9 ottobre 2017

A seguito dell'incontro avuto il giorno 19 Settembre 2017 con la Direzione del Gruppo Ferretti, il coordinamento nazionale delle RSU, congiuntamente a FENEALUIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL, proclamano 8 ore di sciopero per il giorno lunedì 9 ottobre, in tutti gli stabilimenti del gruppo, a fronte delle risposte non sufficienti date da parte aziendale rispetto alla piattaforma presentata per il rinnovo dell'accordo aziendale.

I punti in questione

In particolare permangono distanze rilevanti su alcuni importanti punti: PUNTO 1) L' azienda durante l'incontro ha ribadito la sua posizione di prevedere, anche se su base volontaria, l'erogazione del 100% del PDR sotto forma di Welfare aziendale. Distanze anche sui parametri da raggiungere per l'erogazione del premio. PUNTO 2) L'azienda ha ribadito l'abbassamento delle ore di assenza per l'erogazione del Premio e l'abolizione del parametro collettivo. Vuol dire di fatto maggiore difficoltà a raggiungere il premio. PUNTO 3) Punto positivo ma ancora da approfondire è che a fronte della strutturalità del doppio turno l'azienda è disponibile ad accettare la proposta sindacale di 7 ore lavorate a fronte di 8 retribuite. Resta ancora in sospeso la diversa regolamentazione dell’orario di lavoro nei mesi di luglio ed agosto che dovrà essere affrontata attraverso la definizione di accordi tra Rsu e Direzione Aziendale. PUNTO 4) Sulla applicazione del regime dell’art.18 ai lavoratori assunti dopo l'entrata in vigore del JOBS ACT l' azienda ha ribadito la sua contrarietà.

Le modalità dello sciopero

Pertanto il Coordinamento ha deciso di proclamare 8 ore di sciopero per il giorno 9 ottobre 2017. Verranno inoltre convocate assemblee in tutti gli stabilimenti per discutere ed informare tutte le lavoratrici ed i lavoratori.