Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Calendario e appuntamenti - Bergamo - CISL Bergamo
Giovedì, 14 Luglio 2016 00:00

Convocazione Consiglio Generale Cisl Bergamo

La segreteria Ust Cisl Bergamo ha indetto la riunione del Consiglio Genrerale allargato per giovedì 14 luglio 2016 (dalle 9 alle 13) nel Salone Riformisti della sede Cisl Bergamo. All'ordine del giorno i seguenti temi:

1) Fisco e previdenza: il punto sul confronto tra Governo e Parti sociali;
2) Il ruolo riformatore della Cisl sulle prospettive del welfare.

PROGRAMMA:

- Introduzione di Ferdinando Piccinini, Segretario Generale Cisl Bergamo
- Interventi: Maurizio Petriccioli (Segr. Confederale Cisl), Gigi Bonfanti (Segr. Generale Fnp), Domenico Pesenti (Presidente Inas nazionale)
- Dibattito
- Conclusioni

Manifestazione regionale promossa dai sindacati degli inquilini Sicet, Sunia, Uniat, Unione inquilini, Conia, con Cgil, Cisl e Uil regionali, a sostegno delle richieste di modifica al pdl sulla riforma dell’edilizia popolare. Inquilini e cittadini lombardi chiedono più case popolari, investimenti duraturi e una riforma che tuteli i diritti delle persone ad avere un affitto sopportabile in abitazioni dignitose, e metta Comuni e Aler in grado di affrontare l’emergenza casa.


21 giugno 2016, ore 17:00 davanti al Consiglio Regionale, Milano via Fabio Filzi 22

Clicca qui per scaricare la locandina

Viviamo in un tempo di grandi tensioni, conflitti e preoccupazioni. Ogni giorno siamo costretti a fare i conti con problemi complessi ignorati o sottovalutati da lungo tempo. Dalla miseria alla distruzione di posti di lavoro, dalle guerre alle migrazioni, dalla devastazione ambientale al cambiamento climatico. Problemi sociali, economici, ambientali e politici che spesso abbracciano l’intero pianeta, diseguaglianze ed ingiustizie che  non trovano un adeguato impegno di coloro che hanno la responsabilità di intervenire. Il nostro modello di vita e di sviluppo è insostenibile, produce ingiustizie, crisi e guerre.

Ad aggravare la situazione si stanno facendo strada in Europa alcune idee e politiche pericolose che aumentano le paure, accentuano le divisioni, avvelenano i rapporti e allontanano le soluzioni. Idee e politiche che ci fanno male e che dobbiamo contrastare con forza.

Una prima idea pericolosa è quella di chi sostiene che “possiamo fare a meno dell’Europa”, che dobbiamo tornare indietro alle monete e alle frontiere nazionali ricostruendo muri e  confini. L’Europa che oggi conosciamo non ci piace ma questo non vuol dire che possiamo buttarla via. Senza l’Europa saremmo tutti più deboli e vulnerabili. Anziché distruggerla oggi dobbiamo rifare l’Europa realizzando l’originale progetto di pace, giustizia sociale e fratellanza.

In base ad un’altra idea pericolosa alcuni affermano che “dobbiamo impedire a chi cerca rifugio nel nostro continente di arrivare da noi”. E’ l’idea che l’Europa possa fare a meno degli altri. Un’Europa che sbarra le porte a chi fugge dalla guerra e dalla fame, che tratta un rifugiato o un migrante come un criminale, che chiude gli occhi sulle cause di questi drammi è disumana e destinata a deperire rapidamente. Le istituzioni hanno la responsabilità di proteggere chi è in pericolo e assicurare il rispetto della legalità sancita dal diritto internazionale dei diritti umani.
Altri ancora sostengono che “la solidarietà è un lusso che non ci possiamo più permettere!” Questa idea ci sta avvelenando l’aria che respiriamo rendendoci ogni giorno più soli, più poveri e impauriti. E’ l’idea che corrode la nostra capacità di affrontare assieme le grandi e piccole sfide del nostro tempo proprio quando constatiamo che solidarietà e cooperazione sono le fondamenta della convivenza.

In questo contesto di egoismi e di chiusure si insinua un'ulteriore idea distruttiva in base alla quale “la guerra è inevitabile” e dunque dobbiamo essere pronti a farla tutte le volte che è necessario. Dietro a questa idea si nascondono e si alimentano interessi personali, sfruttamento di beni e di persone, poteri occulti e corrotti, costruttori e trafficanti di armi, nuove forme di colonialismo. Al contrario noi sappiamo che la guerra non è solo disumana ma illegale, che va fermata, che le alternative esistono e noi le vogliamo promuovere con azioni quotidiane, nonviolente, di educazione, di accoglienza e inclusione, di solidarietà e cooperazione, di dialogo e di riconciliazione, di rispetto delle diversità e di convivenza, di economia solidale e lavoro dignitoso. 


Contro il dilagare di queste idee pericolose e politiche irresponsabili
rafforziamo il nostro impegno per la pace!
Domenica 9 ottobre 2016
partecipa anche tu alla Marcia PerugiAssisi della Pace e della Fraternità


Facciamo in modo che la PerugiAssisi sia la marcia di coloro che si oppongono a questa realtà, che si indignano, la rifiutano e si impegnano quotidianamente a trasformarla costruendo pace, accoglienza, solidarietà, dialogo, nonviolenza e fraternità.

Per adesioni e informazioni:

Cisl Bergamo
via Carnovali 88/A, Bergamo  -  Tel. 035.324.131 
Scarica la locandina

Tavola della Pace

via della viola 1 (06122) Perugia  -  Tel. 335.6590356 - 075/5736890 - fax 075/5739337
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.perlapace.it

Rete della Pace
Tel. 06/41609274  -  Fax 06/41609275
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Locandina

Mercoledì, 15 Giugno 2016 00:00

C’era una volta il federalismo

Il Comitato bergamasco per la difesa della Costituzione ha organizzato per mercoledì 15 giugno 2016 (ore 21) nella sala conferenze Fondazione Serughetti ‐ La Porta (viale Papa Giovanni XXIII n. 30 ‐ Bergamo) un incontro di riflessione "C’era una volta il federalismo" a proposito della “riforma” della Costituzione. Presiede BARBARA PEZZINI del Comitato bergamasco per la difesa della Costituzione. Interviene GIANLUIGI BIZIOLI dell'Università di Bergamo. 

Il Comitato bergamasco per la difesa della Costituzione è composto  da ACLI, AEPER, ANPI, ARCI, AUSER, Associazione Generale di Mutuo Soccorso, CGIL, CISL, Comitato Carcere e Territorio, Cooperativa Paci dell'Orto, Fondazione Gritti Minetti, Fondazione Serughetti ‐ Centro Studi La Porta, Giuristi Democratici, Istituto bergamasco per la storia della resistenza e dell’età contemporanea, Libera ‐ Coordinamento provinciale, Libertà e Giustizia, Proteofaresapere, Rete S.O.S., UIL


Scarica la locandina

Welfare contrattuale. E' il tema che caratterizza la 3° Fiera della Contrattazione territoriale in programma venerdì 10 giugno (dalle 9,00 alle 13,00) nel Salone Riformisti del Lavoro della sede del sindacato Cisl Bergamo.

Alla tavola rotonda interverranno, moderati da Ferdinando Piccinini (Segretario Generale Cisl Bergamo), Gigi Petteni (Segreteria Cisl Nazionale), Luciano Pero (Politecnico di Milano), Emmanuele Massagli (Adapt), Luciano Consolati (Università "Marconi" di Roma), Roberto Perhat (Confartigianato Bergamo) e Stefano Malandrini (Confindustria Bergamo).

Saranno, inoltre, illustrati gli accordi bergamaschi di welfare contratturale: TAV di Caravaggio, ATB di Bergamo, Arditi di Val Brembilla e Fondo Wila.


Scarica lo locandina

 

L’evoluzione del servizio sanitario e socio sanitario lombardo sarà l’argomento della nuova assemblea che FNP CISL di Mozzo organizza nella Sala Consiliare del Comune di Mozzo venerdì 27 maggio, alle 15, nell’ambito delle iniziative di informazione rivolte alla cittadinanza.

La Regione Lombardia ha recentemente approvato la riforma sanitaria che prevede un percorso di evoluzione del Sistema Socio Sanitario Lombardo: dalla Asl alle nuove ATS ( le Agenzie di tutela della salute) e dalle Aziende Ospedaliere alle ASST (Aziende socio sanitarie territoriali).

Quale sarà il futuro della sanità nel nostro territorio? Cosa cambia per i cittadini? Quale impatto avrà sugli assistiti, sugli anziani e sulle persone fragili? Saranno le domande cui risponderà Onesto Recanati della Segreteria Pensionati del sindacato CISL Bergamo, che presenterà i progetti, le opportunità, le potenzialità e le criticità del nuovo servizio socio-sanitario.