Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Calendario e appuntamenti - Bergamo - CISL Bergamo
Sabato, 24 Settembre 2016 00:00

Il Sindacato incontra gli studenti del Natta

“Storie di lavoro al tempo della crisi” è il titolo di un progetto, voluto e sponsorizzato da CGIL CISL UIL di Bergamo, che cerca di “offrire un diverso punto di vista sul lavoro e la crisi” entrando a diretto contatto con i giovani e la scuola. Primo passo di questa iniziativa sarà l’incontro con gli studenti in programma sabato prossimo, 24 settembre, alle 10,30 all’Istituto “Natta” di via Europa a Bergamo.

Da un’idea di Alessandro Bottelli

Sarà allestito il “reading concerto” realizzato dall’associazione Libera Musica, su un’idea di Alessandro Bottelli, che i sindacati hanno promosso in occasione del Primo Maggio e ora intendono riproporre in chiave didattico-educativa. Lo spettacolo pone l’attenzione su un problema fondamentale e di grande attualità: quello del lavoro, della qualità del lavoro e del lavoro che non c’è e delle difficoltà che incontrano tanti giovani che si affacciano per la prima volta sul mercato del lavoro.

Testi originali di scrittori noti

A parlare di lavoro saranno alcuni dei migliori poeti e scrittori contemporanei. Attraverso le loro parole scopriremo e analizzeremo alcune realtà umane e sociali legate al mondo dell’occupazione. I testi, tutti creati per l’occasione, saranno di Gianni Biondillo, Giuseppe Conte, Erri De Luca, Vivian Lamarque, Dacia Maraini, Laura Pariani, Davide Rondoni, Tiziano Scarpa. La voce narrante sarà quella di Federica Cavalli. Lo spettacolo alterna la lettura con l’esecuzione di brani jazz con Guido Bombardieri ( saxofono e clarinetti), Marco Gamba (contrabbasso) e Michele Gentilini (chitarra).

Venerdì, 30 Settembre 2016 00:00

Sicurezza: modello Bergamo

Il sindacato della Cisl Bergamo, insieme a Cgil e Uil Bergamo, hanno organizzato il convegno "Sicurezza: modello Bergamo". Moderato da Luciana Fratus (Segreteria Cgil Bergamo) prevede l'introduzione di Giacomo Meloni (Segreteria Cisl Bergamo) e gli interventi programmati e il dibattito con le Rls. Si termina con le conclusioni di Angelo Urso (Segretario Uil Milano Lombardia).


Appuntamento il 30 settembre (9 - 13) all'Edilforum della Scuola Edile di Seriate.


Locandina

 

Giovedì, 29 Settembre 2016 00:00

Cosa significa cambiare una Costituzione

In occasione del prossimo referendum costituzionale la segreteria CISL Bergamo ha ritenuto importante organizzare un momento di riflessione e approfondimento sui contenuti di questo importante appuntamento democratico. Si è quindi convocato un Consiglio generale aperto alla partecipazione di operatori e delegati per il giorno 29 settembre 2016 alle 9.30 nella Sala Mosaico della Camera di Commercio di Bergamo. 

Considerata la rilevanza dell'appuntamento e le figure di alto profilo istituzionale invitate (sarà presente l'on. Luciano Violante), è raccomandata una ampia partecipazione.


>>> Locandina dell'evento
>>> Il programma completo
>>> La brochure Cisl per un voto consapevole

Si tiene al Palazzo delle Stelline, dalle 14, il convegno nazionale sull'industria organizzato dalla Cisl. “Occupiamoci di industria. Le proposte della Cisl” il tema dei lavori.  Intervengono: Osvaldo Domaneschi, segretario generale Cisl Lombardia, Giuseppe Farina, segretario confederale Cisl, Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico, Stefano Bonaccini, presidente Conferenza delle Regioni, Vincenzo Boccia, presidente Confindustria, Omar Eliano Lodesani, presidente comitato affari sindacali e del lavoro Abi, Annamaria Furlan, segretario generale Cisl. Coordina Dario Di Vico, editorialista Corriere della Sera.  


Scarica il programma

 

Continua l’agitazione dei sindacati delle Poste per il progetto di ristrutturazione del servizio messo in atto dall’azienda. SLC CGIL, SLP CISL, UIL POSTE e FAILP CISAL manifesteranno giovedì 7 luglio davanti alla Prefettura di Bergamo, “per spiegare e far comprendere alle istituzioni ed ai cittadini che la riorganizzazione del recapito con consegne a giorni alterni vede i cittadini depauperati di un servizio pubblico qual è quello postale ed i lavoratori privi di strumenti e mezzi, oberati da giacenze e gravati da tagli occupazionali privi di programmi di sviluppo a lungo termine”.

"Un’azione – spiegano i segretari provinciali delle sigle sindacali – che fa seguito allo sciopero regionale del 23 maggio scorso, dove oltre 3000 lavoratori hanno rivendicato diritti, certezza occupazionale e sicurezza nei luoghi di lavoro. Questa rivoluzione, invece porta tagli esuberi e ricollocazioni. E nessuna ricaduta positiva sugli Uffici Postali e gli sportelli! .

I sindacati si lamentano per la mancanza di risposte da parte dell'azienda di fronte alle "legittime rivendicazioni dei lavoratori, che hanno portato al coinvolgimento anche di altre regioni con iniziative analoghe a quelle assunte il Lombardia".

Bergamo rientra tra le Province interessate dal piano di riorganizzazione del recapito della corrispondenza che prevede la consegna a giorni alterni. "Questa scelta ha determinato un incremento dei carichi di lavoro – continuano i sindacalisti - un probabile aumento del fattore di rischio, oltre che un danno per l'intera comunità alla luce del taglio del servizio".

I rappresentanti Sindacali sono preoccupati per le ricadute occupazionali e per i disagi ai cittadini e clienti che si rivolgono agli Uffici Postali o che non si vedono più recapitare la corrispondenza giornalmente. Infatti sono sempre di più gli Uffici Postali che aprono a giorni alterni ed ora, sono sempre di più (a Bergamo oramai tutta la provincia) i cittadini e le Aziende che vedono il postino bussare alla propria porta un giorno sì ed un giorno no.

La vertenza in atto vuole anche far comprendere le scelte “scellerate” di continuare a privatizzare le quote societarie di Poste Italiane, fino ad arrivare a “cedere” oltre il 70% ai privati, “perdendo quindi il controllo da parte dello Stato”.

Intanto, la mobilitazione continua, con lo sciopero delle prestazioni straordinarie e aggiuntive in tutti i settori, mentre è in programma uno sciopero generale nazionale a settembre.

L’iniziativa “bergamasca” è già fissata per martedì 12 luglio, con corteo e “presidio – blocco” del rondò di Dalmine. “La rigidità della nostra controparte – dice Luca Nieri, segretario generale di FIM CISL Bergamo - impedisce di fatto un confronto costruttivo. Ma non ci arrendiamo, vogliamo dare risposte ai lavoratori”.


Speciale rinnovo contratto nazionale