Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Calendario e appuntamenti - Bergamo - CISL Bergamo

La legge di stabilità 2015, nell’attribuire all’Inail competenze in materia di reinserimento e di integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro, ha operato un completamento del modello di tutela per il pieno recupero dell’integrità psicofisica degli infortunati e dei lavoratori affetti da malattia professionale.

Con l’emanazione del “Regolamento per il reinserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro”, l’Istituto mette in campo percorsi personalizzati realizzati in azienda, progettati da équipe multidisciplinari di esperti e finanziati fino a un massimo di 150.000 euro, finalizzati alla conservazione del posto di lavoro.

La Direzione territoriale Inail di Bergamo intende presentare i nuovi servizi e al tempo stesso avviare un dialogo e una concreta collaborazione con le Istituzioni territoriali e con le Associazioni, nella convinzione che la protezione sociale del lavoro, la difesa delle pari opportunità, il sostegno alle imprese virtuose, si può realizzare solo attraverso l’integrazione tra i diversi servizi presenti sul territorio, in ottica di sussidiarietà, evitando sovrapposizioni e mettendo a fattor comune le esperienze e le buone pratiche.

Il convegno si terrà il 25 maggio nella Sala Mosaico della Borsa Merci a Bergamo con inizio alle 9.15. Alla tavola rotonda parteciperanno i rappresentanti sindacati confederali provinciali.


Scarica il programma completo

Pubblicato in Eventi

L’infortunio in itinere è l’infortunio che il lavoratore subisce nel tragitto che deve necessariamente percorrere per recarsi sul luogo di lavoro. Con l'allegato alla circolare n.14 del marzo 2016 l'Inail formalizzato le linee guida per la trattazione dei casi di infortuni in itinere in particolare per l'utilizzo della bicicletta.

Inoltre riportiamo all'attenzione la sentenza del 13 aprile 2016 (n. 7313) con la quala la Cassazione ha stabilito che l’incidente occorso al lavoratore in bici sul tragitto fra casa e ufficio va sempre risarcito, anche se la distanza da percorrere è breve e ben si potrebbero usare i mezzi pubblici o andare a piedi.


- L'allegato alla circolare dell'Inail
- La sentenza della Cassazione

 

Pubblicato in Materiale informativo
Mercoledì, 22 Giugno 2016 00:00

Inail: relazione annuale 2015

E' stata presentata il 22 giugno 2016 la relazione annuale dell'INAIL e la sintesi inerenti l'andamento degli infortuni e delle malattie professionali registrati nel 2015. Dal rapporto si conferma un andamento decrescente del numero degli infortuni con un calo del 6,6% rispetto al 2014 come pure in calo del 2% il numero degli infortuni mortali, sempre in confronto al 2014 e del 23,4% rispetto al 2011.

La riduzione del numero degli infortuni è sicuramente un fatto positivo ma non sufficiente. Ancora troppi comunque sono gli infortuni sul lavoro come pure gli infortuni in itinere, per gli uni come gli altri serve una forte azione di formazione (non formale) che contribuisca a formare una forte cultura della sicurezza, e una adeguata politica di prevenzione da parte delle imprese, che passa anche tramite gli investimenti e l'innovazione tecnologica


- Relazione annuale
- Sintesi

Pubblicato in Lavoro

L'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre ha distribuito una ricerca con i dati su base Inail relativi agli infortuni mortali registrati in Italia dall'inizio dell'anno alla fine di luglio. I dati parlano di un incremento della mortalità sul lavoro e di un'incidenza per la provincia di Bergamo che risulta la quarta provincia il Lombardia per numero assoluto di incidenti mortali e l'86sima nel Paese per incidenza sul numero di occupati.


Dichiarazione di Giacomo Meloni (Segreteria sindacato Cisl Bergamo)

Affrontare il tema della sicurezza e dell'ambiente dal versante statistico è un fatto assolutamente parziale e sbagliato.

La sicurezza  sul lavoro va affrontata con ferma determinazione sul versante della   cultura,  mettendo al centro la prevenzione in un progetto che parta già dall'età scolastica e che continui a vedere l'azione sinergica degli enti bilaterali, degli organismi paritetici, di un'azione partecipativa nei luoghi di lavoro, dove la formazione e il coinvolgimento positivo degli RLS e degli RLST nel settore dell'artigianato e delle piccole imprese non deve essere occasionale.

Una attenta lettura e riflessione per le ricadute che può determinare nel campo della prevenzione è l'attuazione del nuovo decreto legislativo n.81 del 15 giugno scorso, facente parte del jobs act, che  determina anche importanti riflessi per quanto riguarda gli aspetti legati alla tutela della sicurezza sul lavoro.

Il lavoro è parte fondamentale per la vita, la dignità e la realizzazione delle persone e non deve essere strumento di morte. Anche un solo infortunio mortale è una sconfitta per tutti.

Come CISL riprenderemo dal prossimo mese sessioni di formazione, informazione e di approfondimento delle tematiche della sicurezza e dell'ambiente di lavoro per contribuire a formare la coscienza e la cultura della sicurezza adeguata.

Il primo appuntamento previsto per venerdì 9 ottobre riguarderà un approfondimento del tema “Stress lavoro correlato”.  


Elaborazione statistica degli infortuni mortali su lavoro per l'anno 2015 (aggiornamento al 31 luglio 2015)
Incidenze morti sul lavoro per popolazione occupata per l'anno 2015 (aggiornamento al 31 luglio 2015)

 

Pubblicato in Comunicati Stampa