Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Giovedì, 23 Febbraio 2017

Sostegno ai miglioramenti organizzativi e gestionali

I sindacati Cgil, Cisl e Uil e Confindustria Bergamo hanno firmato un protocollo per il sostegno ai miglioramenti organizzativi e gestionali dell’industria bergamasca. In un contesto di sensibile, seppur debole e incerto, miglioramento, per le imprese è importante rispondere in modo tempestivo alle richieste del mercato. Qui che entra in gioco il ruolo chiave della produttività, elemento centrale per la competitività delle imprese.

Il Protocollo prende in considerazione i rapporti di lavoro, quelli sindacali e la premialità. È importante, stando al testo dell’accordo, "favorire l’adozione di premialità effettivamente correlate ai risultati aziendali". Un piccolo test è già stato effettuato nel secondo semestre dell’anno scorso su un campione di 12 imprese di vari comparti e dimensioni con il coinvolgimento dei tre sindacati. Obiettivo cercare di capire i principali problemi organizzativi e gestionali in ambito lavorativo.

Con questo protocollo si vuole anche far conoscere alle imprese il quadro normativo che favorisce forme di flessibilità e al tempo stesso coinvolgere i lavoratori "nella conoscenza degli indirizzi aziendali e nella comprensione e discussione delle pratiche gestionali interne". Per Ferdinando Piccinini, Segretario Generale del sindaco Cisl Bergamo, "con questo protocollo c’è la volontà di fare della contrattazione aziendale l’elemento fondamentale per una maggiore competitività delle imprese, coinvolgendo maggiormente i lavoratori nei processi aziendali. Ovviamente, c'è un’interpretazione comune delle parti che poi va declinata in ogni singola specificità aziendale. La sfida non è solo il raggiungimento di un risultato economico ma anche il maggiore coinvolgimento dei lavoratori nelle dinamiche aziendali: Bergamo può davvero risultare innovativa in questo percorso”. 


Scarica il documento