Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Un iniziativa organizzata da Cisl e Acli Bergamo per approfondire il Jobs act. L'appuntamento è per martedì 16 dicembre 2014 alle ore 18.00 presso la Casa del Giovane di via Gavazzeni a Bergamo. Tra gli ospiti: Emmanuele Massagli, presidente Adapt. Conclusioni affidate a Ferdinando Piccinini, Segretario Generale Cisl Bergamo. Scarica la locandina dell'evento

Pubblicato in Archivio News

Un iniziativa organizzata da Cisl e Acli Bergamo per approfondire il Jobs act. L'appuntamento è per martedì 16 dicembre 2014 alle ore 18.00 presso la Casa del Giovane di via Gavazzeni a Bergamo.
Scarica la locandina dell'evento

Pubblicato in Eventi
Mercoledì, 03 Dicembre 2014 09:24

Formazione Professionale: a rischio 500 posti

A rischio oltre 500 posti di lavoro nella formazione professionale lombarda. La Legge di Stabilità 2015 riduce le risorse regionali del bilancio e l'assessorato alla Formazione ha previsto tagli per 75,5 milioni di euro su istruzione, formazione e lavoro. In particolare, sul sistema della formazione professionale si prevede un taglio di 27 milioni di euro. Comunicato.

Pubblicato in Archivio News
Mercoledì, 03 Dicembre 2014 09:13

Formazione Professionale: a rischio 500 posti

A rischio oltre 500 posti di lavoro nella formazione professionale lombarda. La Legge di Stabilità 2015 riduce le risorse regionali del bilancio e l'assessorato alla Formazione ha previsto tagli per 75,5 milioni di euro su istruzione, formazione e lavoro. In particolare, sul sistema della formazione professionale si prevede un taglio di 27 milioni di euro che, affermano Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola della Lombardia, se attuato, andrebbe a dimezzare l’offerta formativa attuale, da 694 classi prime a poco più di 300, e farebbe perdere il posto di lavoro ad oltre 500 dipendenti delle agenzie formative, su un totale di 1700 addetti.

Questa ipotesi di taglio è sconcertante - affermano i tre sindacati - se pensiamo che Regione Lombardia, nell’ultima versione del Programma Operativo Regionale Fse 2014-2020 trasmesso alla Commissione europea così si esprime sul sistema IeFP: “Tra le più grandi peculiarità lombarde vi è il ruolo fondamentale dell’Istruzione e formazione professionale come strumento di lotta all’abbandono precoce”.  

Il sistema di formazione professionale lombardo è passato negli ultimi dieci anni dai 35 percorsi con 624 studenti a 2.500 corsi, per oltre 60.000 studenti nell’anno formativo 2014-2015.  Sempre più giovani si iscrivono ai corsi di formazione professionale come prima scelta direttamente dalla scuola secondaria inferiore: nel 2014 sono oltre 18.000 i ragazzi di terza media che si sono iscritti nei percorsi di IeFp, pari al 18% del totale della classe di leva residente in Lombardia. “La Regione dichiara di non condividere i tagli previsti dalla Legge di stabilità - proseguono i sindacati lombardi di categoria -  ma se confermerà la riduzione delle risorse per la formazione professionale dovrà assumersi la responsabilità della scelta politica”.

Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola della Lombardia sollecitano la Regione “affinché predisponga un piano complessivo per ripensare e razionalizzare l’offerta formativa degli enti di formazione pubblici e del privato sociale che utilizzano risorse pubbliche, partendo dal sistema di accreditamento che oggi non fa selezione”. Secondo i sindacati, occorre considerare la possibilità della differenziazione della  quota capitaria,  fissata  a 4.500 euro come contributo per ogni allievo, uguale  da 10 anni, come previsto dalla legge regionale 19/2007 e mai realizzata. Potrebbe essere un altro strumento che premia chi più investe su laboratori e didattica innovativa, oppure per incentivare settori poco rappresentati (esempio impianti termoidraulici, edili). Anche una parte delle risorse ministeriali per l’apprendistato (avanzano ad oggi oltre 3 milioni di euro del finanziamento del 2012) potrebbe essere destinata a finanziare un patto settoriale/territoriale fra associazioni d’imprese ed enti formativi per permettere ai ragazzi/e, oltre i 15 anni, di essere assunti con un contratto di apprendistato ex art. 3 e conseguire una qualifica professionale. Soprattutto occorre  un ripensamento nell'allocazione dei Fondi Europei con cui si potrebbero finanziare percorsi  una con una forte componente di tirocinio scuola/lavoro nell'ultimo anno, modalità che avvicinerebbe  la nostra regione al sistema di formazione duale.

I sindacati stanno incalzando in queste ore l’assessorato affinché scelga di non smantellare un sistema che ha saputo portare al successo formativo e all’inclusione sociale molti ragazzi lombardi, è apprezzato dalle imprese che hanno bisogno sempre più di formazione professionale adeguata e permette anche oggi  alti tassi di sbocco occupazionale. “In caso contrario – avvertono Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola della Lombardia  - saremo costretti a mobilitarci ulteriormente, mettendo in campo specifiche forme di lotta a salvaguardia della tenuta occupazionale del comparto”.

Pubblicato in Comunicati Stampa
Lunedì, 01 Dicembre 2014 13:51

10.000 delegati al Carroponte di Milano

Si è conclusa il 4 dicembre con una grande manifestazione al Carroponte di Sesto S. Giovanni la settimana di mobilitazione organizzata dalla Cisl per rilanciare le sue proposte sui temi di nuove politiche per il lavoro, sulla lotta alla precarietà dei giovani, sulla tutela dei redditi, sullo sblocco dei contratti del pubblico impiego. Il discorso integrale di Annamaria Furlan. Il video.

Pubblicato in Archivio News

Manifestazione nazionale delle Cisl delle regioni del Nord per rilanciare le proposte della Cisl e sollecitare modifiche e correttivi alla Legge di Stabilità “Per il lavoro e il sociale ogni giorno”. L'appuntamento è per il 4 dicembre 2014 al Carroponte, Sesto San Giovanni (MI) dalle 10.30 con termine alle 13.30 circa.  L'orario di partenza dei pullman è alle 8,45 dal piazzale della Malpensata a Bergamo.

Scarica il manifesto.

Pubblicato in Eventi
Mercoledì, 26 Novembre 2014 00:00

Sostegno Cisl al IV workshop "Torniamo al lavoro!"

Torna il 29 novembre a Leffe il Workshop della ValSeriana e Val di Scalve, organizzato da PromoSerio con la partecipazione di Cisl Bergamo. Una giornata di riflessione e dibattito. Fra gli ospiti presenti il neo Segretario Generale CISL Lombardia OSVALDO DOMANESCHI. Il tema individuato è quello del Lavoro, fondamento della nostra Repubblica. Info - VIDEOPiccinini in conferenza stampa.

Pubblicato in Archivio News

La Cisl Bergamo con le Categorie in presidio davanti alla Prefettura (VIDEO). Una delegazione della Cisl (Piccinini-Ust, Bramaschi-Fai, Gervasoni-Fim, Salvatoni-Femca e Bettoni-Fnp) è stata ricevuta dal Prefetto di Bergamo al quale è stata consegnata una lettera che con le proposte della Cisl per il LAVORO e il CAMBIAMENTO della politica economica e sociale. Scarica la locandina distribuita

Pubblicato in Archivio News

La Cisl Bergamo con le Categorie del sindacato di via Carnovali in presidio davanti alla Prefettura di via Tasso a Bergamo il 26 novembre alle ore 15 con idee e proposte per il LAVORO. Un'iniziativa per far conoscere ai lavoratori, ai pensionati e ai cittadini le proposte della Cisl per il cambiamento della politica economica e sociale. 

Scarica la locandina completa

Pubblicato in Eventi
Lunedì, 17 Novembre 2014 07:47

La solidarietà della Valle alla MVB di Zogno

Oltre 500 persone a Zogno per “Non chiudete la Val Brembana!” e chiedere "Ma il lavoro dov’è?” davanti a sindaci e politici. Una mobilitazione voluta da CGIL CISl UIL di Bergamo per alzare l’attenzione su un territorio alle prese con problemi occupazionali gravi come il fallimento della MVB, che ha lasciato sulla strada 310 persone. Il comunicato. Fotogallery. L'intervento di Piccinini.

Pubblicato in Archivio News