Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

L'apprendistato è una tipologia contrattuale che necessita di un forte e deciso rilancio nella sua attuazione. Questo può avvenire anche grazie alle novità introdotte dal Decreto 81 del 2015 facente parte della riforma del lavoro (Jobs act) che rafforza il ricorso al sistema duale di formazione e lavoro.

Il recente accordo stipulato fra le organizzazioni sindacali CGIL,CISL, UIL regionali della Lombardia e le associazioni dell'artigianato, Confartigianato, CNA, Casartigiani, C.L.A.A.I.dice Giacomo Meloni della segreteria del sindacato CISL Bergamo -, delinea la valorizzazione della formazione aziendale e il ruolo degli organismi bilaterali, mentre promuove la stabilizzazione occupazionale per 18.113 apprendisti occupati nel settore dell'artigianato in Lombardia, il 23,4% del totale degli apprendisti in regione Lombardia”.

A Bergamo gli apprendisti con contratto professionalizzante sono 7810 di questi, 1998 assunti dopo l'entrata in vigore del Jobs Act. Con lo stesso decreto, a Bergamo sono stati assunti 117 ragazzi tramite l’apprendistato per la qualifica professionale.

In pratica, lavorano e studiano, e 87 di questi conseguiranno il diploma di istruzione secondaria superiore. Di questi, oltre il 50% è assunto nel settore metalmeccanico, il 22,9% nell'edilizia e legno arredamenti, i restanti nel settore commercio, servizi e alimentari.

Sono numeri di assoluto interesse – continua Meloni - e che manifestano una possibile inversione di tendenza anche a Bergamo verso un sistema contrattuale di primaria importanza per l'avviamento al lavoro dei giovani, che necessita anche di adeguate implementazioni contrattuali sia nei contratti nazionali che con iniziative territoriali”.

Pubblicato in Comunicati Stampa

Un appuntamento organizzato per approfondire il tema della sicurezza delle donne sul posto di lavoro, secondo il nuovo accordo nazionale con Confindustria. Interverranno GIUSEPPE FARINA ("Segretario Cisl Nazionale), ISABEL PERLETTI (Consigliera di Parità della Provincia di Bergamo), SANTA PICONE (Direttrice INAIL Bergamo), ELENA COLOMBO (Coordinamento Donne della Cisl Bergamo). Il convegno è introdotto da GIACOMO MELONI (Segretario Cisl Bergamo) mentre le conclusioni sono affidate FERDINANDO PICCININI (Segretario Generale Cisl Bergamo). Comunicato.


MARTEDI' 22 MARZO 2016 - dalle 9 alle 13
Salone Riformisti del Lavoro alla sede Cisl Bergamo


Scarica la locandina

Pubblicato in Eventi

Nei giorni scorsi è stato sottoscritto presso il Ministero del Lavoro, alla presenza dei rappresentanti delle Regioni, un accordo per l'attuazione in via sperimentale del Sistema Duale di alternanza Scuola Lavoro. La misura contenuta negli strumenti attuativi del Jobs act mira a promuovere in maniera innovativa la formazione dei giovanifavorendo la transizione dal mondo della scuola a quello del lavoro partendo, appunto, dalla alternanza fra Scuola e Lavoro. ...

Pubblicato in Archivio News

La Regione ha emesso le disposizioni per l'attuazione del Decreto 150 sulle politiche attive, con le quali si regolano gli obblighi di registrazione della DID (Dichiarazione di Immediata Disponibilità) e del Patto di Servizio Personalizzato per i disoccupati, sia percettori di indennità o meno. La domanda di Naspi, Dis-coll o mobilità equivale alla DID, la quale va poi confermata dal disoccupato tramite il portale Gefo o presso un centro accreditato.

Pubblicato in Archivio News

Cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani: con queste parole d’ordine si sono tenuti oggi gli attivi interregionali unitari dei quadri e dei delegati convocati a Torino, Firenze e Bari da CGIL, CISL e UIL con l’obiettivo di sostenere la piattaforma sulle pensioni in cui vengono chieste profonde modifiche alla legge Fornero.

La mobilitazione di Torino, alla quale ha partecipato una nutrita delegazione bergamasca di tutti e tre i sindacati, è stata conclusa dalla segretaria generale della CISL Annamaria Furlan, che ha bollato l’attuale norma previdenziale “la peggiore legge pensionistica europea. Persino la Fornero critica la Fornero”. Serve creare equità “attraverso il fisco e la previdenza. I giovani non devono essere condannati a essere pensionati poveri. Se si cambia il sistema di calcolo, forse potranno avere une pensione dignitosa. La Fornero ha creato 80 miliardi di risorse, utilizzarli per i lavoratori non sarebbe scandaloso”.

Per Ferdinando Piccinini, segretario generale del sindacato CISL Bergamo, presente a Torino, “... serve ora dare gambe alla proposta unitaria consegnata sul tavolo del Governo: dobbiamo arrivare il più presto possibile a rendere flessibile la Fornero, non servono più le chiacchiere, occorre intervenire subito. Torniamo a ripetere che occorre affrontare il tema della riduzione dei limiti di età per il pensionamento, introdurre la flessibilità in uscita anche per garantire un turn over e permettere ai giovani l’ingresso nel mondo del lavoro, oltre che offrire loro una prospettiva previdenziale dignitosa”.

Luigi Bresciani, segretario generale della CGIL di Bergamo, ha detto che “va pensato un intervento per favorire ‘scivoli’ pensionistici ai tanti lavoratori, ultra55enni senza lavoro, considerati troppo anziani per il mercato del lavoro ma ancora giovani per l’ottenimento della pensione. Ancora una volta, poi, chiediamo di sciogliere il nodo, rimasto irrisolto, degli esodati”.

Pubblicato in Comunicati Stampa

Al sindacato Cisl Bergamo è partita la “campagna di reclutamento” della squadra che gestirà la stagione Fiscale del 2016. Candidarsi è semplice: entro il 30 Novembre, è  possibile iscriversi per selezione che verrà effettuata già a partire da questo mese, collegandosi alla piattaforma digitale www.cafcisl.it. I candidati dovranno fornire una serie di informazioni circa il loro percorso scolastico e formativo, le loro esperienze lavorative e le competenze informatiche possedute, oltre che allegare il proprio curriculum.

“La nostra selezione – avverte Candida Sonzogni, responsabile del CAF CISL di Bergamo – sarà orientata a dare spazio all’assunzione di ragazzi e ragazze, studenti universitari o diplomati, che come sempre siamo convinti possano essere una risorsa importante all’interno del nostro processo di lavoro e, soprattutto, di incontro con i nostri iscritti e i nostri assistiti. Quest’anno, in particolare, però, abbiamo deciso di guardare anche con attenzione a chi, avendo maturato un’esperienza lavorativa in campo amministrativo e contabile, l’impiego lo ha perso per effetto della crisi o intende rimettersi in gioco sul mercato del lavoro dopo essersene allontanato per motivi familiari”.

Successivamente alla selezione, le persone individuate frequenteranno un corso di formazione specifico con rilascio dell’attestato di “operatore fiscale”, preparato per gestire pratiche quali: il 730, l’Imu e la Tasi, la compilazione del modello red e dei modelli inv civ.

Complessivamente, il personale impiegato nella campagna fiscale è di circa 200 addetti, di cui 150 assunti specificatamente per la compilazione dei modelli 730. I contratti sono per il 70% a part-time, in modo da dare possibilità di occupazione a un numero di persone più elevato.

Le sedi di lavoro sono dislocate su tutta la Provincia: le principali sono: Bergamo, Clusone, Lovere, Sarnico, Grumello Del Monte, Trescore Balneario, Gazzaniga, Zogno, Ponte San Pietro, Dalmine, Treviglio, Romano di Lombardia.


Scarica la locandina informativa

 

Pubblicato in Comunicati Stampa

Slide informative della Cisl Lombardia inerenti al Decreto Legislativo n.81 del 9 aprile 2008 sull'obbligo di valutazione dei rischi collegati allo stress lavoro correlato. Il materiale è curato da Giulio Oreggia.  Scarica le slide.


Alleghiamo inoltre: 
1) l'accordo del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell'articolo 34, commi 2 e 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, numero 81. Scarica l'accordo.

2)  l'accordo del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione ai sensi dell'articolo 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, numero. 81. Scarica l'accordo.

Pubblicato in Materiale informativo

L'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre ha distribuito una ricerca con i dati su base Inail relativi agli infortuni mortali registrati in Italia dall'inizio dell'anno alla fine di luglio. I dati parlano di un incremento della mortalità sul lavoro e di un'incidenza per la provincia di Bergamo che risulta la quarta provincia il Lombardia per numero assoluto di incidenti mortali e l'86sima nel Paese per incidenza sul numero di occupati.


Dichiarazione di Giacomo Meloni (Segreteria sindacato Cisl Bergamo)

Affrontare il tema della sicurezza e dell'ambiente dal versante statistico è un fatto assolutamente parziale e sbagliato.

La sicurezza  sul lavoro va affrontata con ferma determinazione sul versante della   cultura,  mettendo al centro la prevenzione in un progetto che parta già dall'età scolastica e che continui a vedere l'azione sinergica degli enti bilaterali, degli organismi paritetici, di un'azione partecipativa nei luoghi di lavoro, dove la formazione e il coinvolgimento positivo degli RLS e degli RLST nel settore dell'artigianato e delle piccole imprese non deve essere occasionale.

Una attenta lettura e riflessione per le ricadute che può determinare nel campo della prevenzione è l'attuazione del nuovo decreto legislativo n.81 del 15 giugno scorso, facente parte del jobs act, che  determina anche importanti riflessi per quanto riguarda gli aspetti legati alla tutela della sicurezza sul lavoro.

Il lavoro è parte fondamentale per la vita, la dignità e la realizzazione delle persone e non deve essere strumento di morte. Anche un solo infortunio mortale è una sconfitta per tutti.

Come CISL riprenderemo dal prossimo mese sessioni di formazione, informazione e di approfondimento delle tematiche della sicurezza e dell'ambiente di lavoro per contribuire a formare la coscienza e la cultura della sicurezza adeguata.

Il primo appuntamento previsto per venerdì 9 ottobre riguarderà un approfondimento del tema “Stress lavoro correlato”.  


Elaborazione statistica degli infortuni mortali su lavoro per l'anno 2015 (aggiornamento al 31 luglio 2015)
Incidenze morti sul lavoro per popolazione occupata per l'anno 2015 (aggiornamento al 31 luglio 2015)

 

Pubblicato in Comunicati Stampa

L'indagine ISTAT pubblicata il 25 Settembre in merito all'andamento delle retribuzioni nel mese di agosto dove l'indice delle retribuzioni contrattuali orario rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 1,25 nei confronti di agosto 2014. Complessivamente, nei primi otto mesi dell'anno in corso la retribuzione oraria media è aumentata dell'1,1% rispetto allo stesso periodo del 2014. Alla fine di agosto la quota di lavoratori dipendenti in attesa di rinnovo è del 38%. 


Scarica il documento.

Pubblicato in Lavoro
Giovedì, 24 Settembre 2015 00:00

Euronote 94/2015. Informazione sociale europea

Euronote 94/2015. Informazione sociale europea. Realizzato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil. Sommario: 1) Rifugiati: nuove proposte della Commissione; 2) Il contributo dell'Europarlamento; 3) Lo Stato dell'Unione 2015 non è buono; 4) Disoccupazione in lenta ma costante discesa; 5) 13° Congresso Ces; 6) Agenda - Appuntamenti. 


Scarica il pdf 

 

Pubblicato in Mondo