Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Mercoledì, 15 Novembre 2017

I sindacati incontrano il presidente della Provincia

da sinistra: Cortinovis, Rossi, Piccinini e Peracchi da sinistra: Cortinovis, Rossi, Piccinini e Peracchi

Il 14 novembre presso la sede della Provincia di Bergamo si è svolto l’incontro con i segretari generali di CGIL CISL UIL e il presidente Matteo Rossi in merito ai contenuti del documento unitario inviato nelle settimane scorse a tutti gli interlocutori istituzionali e sociali. Un incontro positivo dove si sono analizzati in particolare gli snodi che attengono al ruolo dell’istituzione provinciale.

Il ruolo di sintesi della Provincia

Particolare attenzione si è rivolta in merito a tutto il tema dell’istruzione e formazione, strategica anche in funzione del lavoro e delle scelte strategiche che stanno affrontando i tavoli OCSE. In questo senso si è ritenuto importante e decisivo il ruolo che potrebbe assumere la Provincia come luogo di sintesi e di governo in merito all’evoluzione dell’offerta formativa e di come connetterla ai nuovi bisogni che emergono dalle filiere produttive più innovative del territorio. Una funzione essenziale anche rispetto all’orientamento delle famiglie e dei ragazzi nelle scelte scolastiche future e in un maggiore governo dei processi di alternanza scuola-lavoro.

Continuità al monitoraggio dell’apprendistato

Si è inoltre condivisa la necessità di dare continuità all’importante esperienza di monitoraggio sull’evoluzione dell’apprendistato, ritenendolo un elemento decisivo per un migliore inserimento lavorativo dei giovani connesso con il percorso di istruzione e formazione. Si apprezza il lavoro messo in campo sulla formazione attraverso l’importante ruolo che stanno svolgendo le strutture di ABF.

Situazione grave dei centri per l’impiego

E’ condivisa la profonda preoccupazione in merito alle prospettive dei servizi all’impiego anche in riferimento a possibili interventi in discussione in questi giorni in Parlamento tendenti ad un ulteriore separazione tra servizi al lavoro e formazione. La situazione che stanno attraversando i centri per l’impiego rimane grave, sia per l’esiguo personale coinvolto che per la necessità sul territorio di avere strutture pubbliche per il lavoro in grado di svolere effettivamente una funzione di supporto e accompagnamento nelle politiche attive del lavoro.

Il supporto ai comuni

Occorre che si esca definitivamente da una fase di confusione e stallo che dura ormai da anni e si definiscano ambiti di responsabilità (regione/stato/provincia) e soprattutto quale progetto e quali investimenti pubblici mettere in campo per il futuro. Si è ritenuto che la provincia, nonostante le grandi difficoltà di questi anni, possa giocare un ruolo di prospettiva importante come punto di riferimento e di supporto dei comuni e nelle politiche di rilancio e valorizzazione territoriale.


Linee guida unitarie per la contrattazione territoriale