Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri, per inviare messaggi pubblicitari mirati.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Unione Sindacale di Bergamo

Giovedì, 24 Novembre 2016

Artigianato al traguardo

Dopo mesi di trattative Cgil, Cisl e Uil hanno firmato con le associazioni dell’artigianato l’intesa per il nuovo modello contrattuale che riguarda un milione e mezzo di lavoratori. Un accordo molto innovativo, che rilancia il ruolo negoziale delle parti sociali, con l’obiettivo di avere un quadro di regole chiare, modernee partecipative. Nell’intesa sull’artigianato sono centrali il rafforzamento degli enti bilaterali, il livello territoriale di contrattazione e l’aggregazione dei contratti in 4 aree: manifattura, servizi, edilizia, trasporti.

A regime dovranno essere questi i 4 contratti nazionali di riferimento. Saranno Cgil, Cisl, Uil e le loro categorie e le associazioni nazionali dell’artigianato a individuare, entro un anno, i nuovi parametri ai quali legare l’aumento delle retribuzioni. Il nuovo regime partirà dal 2018.


Documenti:

1) Accordo interconfederale sulla rappresentanza
2) Accordo quadro sulla detassazione
3) Accordo interconfederale sulle linee guida per la riforma degli assetti contrattuali e delle relazioni sindacali